Questo sito contribuisce alla audience di

Vodafone raggiunge i 2,7 Gbit/s a Milano con la sperimentazione della rete 5G

Vodafone ha effettuato a Milano la prima connessione dati in 5G in Italia, raggiungendo velocità record in download di oltre 2,7 Gbit/s.

La sperimentazione della nuova rete, svoltasi con la promozione del Ministero dello Sviluppo Economico e la collaborazione di Huawei, ha utilizzato la banda di frequenze 3,7-3,8 GHz; la casa cinese ha messo infatti a disposizione l’apparato radio basato sulla tecnologia “Massive MIMO”, che consente di migliorare sia la capacità sia la copertura.

Vodafone, che si era aggiudicata la sperimentazione del 5G per la città metropolitana di Milano, ha fatto dunque un importante e concreto passo verso le reti di nuova generazione: il live test ha portato all’incredibile velocità di 2,7 Gbit/s, con una latenza di poco superiore al millisecondo. L’antenna di collegamento è localizzata presso il Vodafone Village di Milano e costituisce la prima installazione del piano di copertura previsto.

La situazione si evolverà ovviamente nell’arco dei prossimi mesi, ma nel frattempo vi chiediamo: servirà veramente tutta questa velocità per le connessioni mobili? Diteci la vostra nel solito box.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Davide P. Colonna

    Se permetterà contratti flat si. Altrimenti a poco…..

  • Francesco Da Lio

    Grandissimi ! Serve eccome sopratutto quando ci si trova in tanti e si condivide troughput. Oltretutto la Latenza a 1ms portera’ a nuovi futuri sviluppi come IOT robotica , operazioni mediche a distanza, auto-droni piulotati realtime. Bisogna restare al passo SEMPRE

  • Lorenzo X

    Adesso non serve, ma è un investimento sul futuro, e l’Italia non deve sempre rimanere indietro

Top