Huawei starebbe sviluppando un suo OS come alternativa ad Android

Huawei sarebbe preoccupata per il futuro di Androd e così starebbe sviluppando un suo sistema operativo da utilizzare in alternativa, almeno secondo fonti citate da The Information. Starebbe lavorando, in gran segreto, ad un sistema operativo per smartphone per essere indipendente da Google e per mettersi al riparo da possibili cambi di rotta sulla fornitura di Android ai partner.

L’Azienda cinese, in sostanza, non si fiderebbe troppo di Google e avrebbe paura che in futuro possa imporre limitazioni circa l’impiego della piattaforma o addirittura non fornire più Android ai partner terzi. Con un suo sistema operativo quindi sarebbe salva da qualsiasi mossa di questo tipo perché avrebbe pronta l’alternativa ad Android da utilizzare nei suoi prodotti.

Attualmente sarebbe nelle prime fasi dello sviluppo in una sede in Scandinavia e sarebbe sviluppato da un team comprendente ex-ingegneri di Nokia. Non ci sono altre informazioni purtroppo, ma tenete presente che questo sistema operativo potrebbe non vedere mai la luce ufficialmente poiché il suo destino sarebbe strettamente legato al futuro di Android e alle scelte di Google.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • iBacco

    Sacrosanto! Oramai Android ti manda sui server Google pure per stampare un documento sulla stampante a 20 cm dal device… ti chiede se può monitorare il funzionamento di tutte le altre app e non fai tempo a premere “no grazie” che già si è risposto sì da solo e si è dato l’invio (successo tre volte, non è stato un errore): sarebbe ora che venisse presentato qualcosa di meno invasivo.

    • Danilo Mancino

      Chiedere ad Huawei qualcosa di meno invasivo non è il caso

      • iBacco

        Perchè? Sai che mi frega se tutto quello che dico e scrivo viene archiviato in Cina, o su Marte. Non sono un agente segreto. Se invece vengo tracciato/profilato da chi un giorno potrebbe avere effettivo interesse nella mia scheda, ossia quelli del MIO lato di mondo, beh lì mi girano le…

        • Danilo Mancino

          Nessuno ha interesse a fare un sistema proprio che sia meno invasivo di quello che già usa che appartiene a qualcun’altro. Nessuno ti obbliga ad usare servizi che ti profilano se poi “ti girano”

          • iBacco

            Oramai o accetti la tracciatura permanente o devi rinunciare a cellulare e computer, cosa palesemente impossibile. Insomma non è vero che “nessuno ti obbliga”, non siamo monaci tibetani. In assenza di un ecosistema non basato sulla tracciatura, preferirei certamente essere tracciato da persone e poteri più lontani (in ogni senso) che più vicini.

          • Danilo Mancino

            Per il cellulare è vero per il computer meno, ci sono sistemi indipendenti e se qualcuno ha proprio tanto tempo libero ci si può anche compilare una propria distribuzione linux, certo poi bisognerebbe parlare di ME dei processori Intel e della controparte AMD, ma il discorso diventa lungo. Forse dobbiamo semplicemente accontentarci di avere la libertà di scelta da chi essere tracciati, sempre libertà è

          • iBacco

            Hai ragione, purtroppo, ma al momento non è così perché Google, Apple, Microsoft (e Facebook) sono rivali sul mercato ma dal punto di vista della tracciatura sono in pratica la stessa cosa. I bimbiminkia non vogliono sentirselo dire, ma Nokia è stata inglobata e uccisa dagli americani perché aveva l’unico os ed ecosistema mobile completamente europeo, svincolato dal controllo americano: è stata un’operazione totalmente geopolitica, infatti Microsoft industrialmente non sapeva che farsene. Io spero che prima o poi si sviluppino nuovi ecosistemi europei, asiatici, russi eccetera, in modo da poter almeno scegliere da chi essere tracciati, o magari disperdere le informazioni sensibili un po’ qua un po’ là.

          • Danilo Mancino

            SailfishOS con tutti i suoi problemi è ancora finlandese e ci sono sempre voci di corridoio che dicono che verrà adottato da qualche produttore russo o dal governo. Per quanto riguarda l’Asia ci sarebbe Tizen e Samsung ne dovrebbe fare un vero e priprio ecosistema, ma è realizzato in collaborazione con Intel, se vogliamo escludere le compagnie americane non va bene neanche quello. Ritornado sul discorso distro linux la maggior parte di quelle indipendenti, senza una compagnia dietro, sono progetti europei e oltre Ubuntu che ha già un proprio sistema per smartphone, la community di KDE ha dei progetti interessanti per il mobile, quindi avere un sistema non “americanno” o anche totalmente indipendente non è impossibile, il primo è già possibile per il secondo in un futuro prossimo, certo al momento bisogna fare qualche rinuncia.

  • scumm78

    io non capisco queste idee, se domani google smette di aggiornare android, prendi l’aosp e fai un fork. Che bisogno c’e’ di svilupparsi un sistema operativo per conto proprio. Tu sei il fornitore dell’hardware quindi hai gia’ i driver che ti servono, tu hai gia’ le compentenze perche’ comunque personalizzi quello che ti da google, se google anche dovesse smettere, nel giro di qualche mese sei gia’ bello che pronto con la nuova versione. Al massimo quello che ti devi sviluppare e’ un tuo ecosistema con un tipo app store in modo che gli sviluppatori non debbano risviluppare tutto ma fare giusto un upload.

  • giacomo

    Ma pensassero ad aggiornare velocemente i dispositivi che hanno……

  • Mark

    ma magari google smettesse di dare android in pasto a sti partner deficienti! Google, a mio avviso, dovrebbe imporsi di più, perchè ci sono troppi telefoni, che nascono solo per vendere e vengono abbandonati a loro stessi. Sviluppassero le loro porcate, vedremo che fine faranno

    • Ciccio77

      Parole sacrosante

    • Walter

      E se smette, chi lo usa più Android? Google non è un produttore di hardware, ricordiamocelo. L’obbiettivo principale è monetizzare con l’adv mobile e coi servizi. Se i brand più grossi del mercato (vedi Samsung e Huawei) dovessero cambiare sistema, il market share di Android crollerebbe vertiginosamente. Ma crollerebbero allo stesso modo le vendite di device di quegli stessi brand.

      Se da una parte Samsung non ha motivi reali per svilupparsi un proprio OS però, per Huawei è diverso: E’ un’azienda di fatto controllata dallo stato cinese e per loro avere un sistema operativo più controllabile di Android è sicuramente strategico e prioritario, in particolare in patria, ma anche all’estero. Di sicuro, Huawei non interesserebbe più in occidente, se dovesse cambiare software.

      • Danilo Mancino

        Samsung i mitivi li ha, creare un ecosistema unico come Apple, su cui avere il pieno controllo, Tizen gira già su smartTV, smartphone, smartwatch e band ed è stato creato anche per le auto.

      • Mark

        guarda, possono sviluppare l’os che vogliono, ma la fine è quella, fallimento. Windows mobile è una piattaforma valida, ma non riesce a decollare, figurati gli altri os. Google dovrebbe imporsi di più, perché ne vale del suo os, i produttori non hanno scelta

        • Santo Alibrandi

          Windows Phone l’hanno progettato gli ingegneri di Microsoft, forti di Windows sui tradizionali PC e sviluppatori attivi, e nonostante questo rasenta il fallimento. Non credo in un futuro roseo di altri sistemi operativi, onestamente.

          • Mark

            stai dicendo la stessa cosa xD

          • Santo Alibrandi

            Si, era per confermare!

          • Mark

            ah ok xD

    • Dave iam

      Scusa, non ho ben capito il tuo commento. Qui si parla di un colosso dell’elettronica che “forse” decide di progettare un proprio OS, cosa c’entra Google? Google ha un OS che dà a chiunque e di cui chiunque può avvalersi (pagando). La responsabilità di quello che accade e a ciò che ti riferisci nel tuo commento è proprio di Google che per profitto non impone nessuna regola a nessuno. Questo è il motivo per cui tu ti lamenti.

      • Mark

        infatti io mi riferisco a google, dovrebbe avere il pugno duro e imporre regole più severe, perchè I produttori sono la rovina di android

    • Casper

      Concordo pienamente. Da un canto è chiaro che google debba per forza concedere android perché vende pubblicità e campa di profilazione degli utenti. D’altro canto è pur vero che ormai è un sistema affermato ed è l’unico in grado di competere con iOS, quindi Big G può imporre ciò che vuole, compresi aggiornamenti istantanei per tutti i produttori terzi e supporto per tutti i dispositivi prodotti di almeno 3 anni.
      I vari tizen o altri sistemi tipo sailfish ecc non sarebbero mai in grado di sostituire Android in quanto gli sviluppatori di app sono pochissimi e la crescita del sistema comporterebbe un ritardo mostruoso nei confronti di iOS.
      Pertanto è ora che google inizi a dettare legge. Chi non accetta è automaticamente fuori dal mercato perché per quanti tentativi faccia non potrà mai competere con Android / iOS per mancanza di sviluppatori di app.

      • Mark

        esatto

      • Santo Alibrandi

        Verissimo, e vorrei anche sottolineare il fatto che Huawei non sarebbe nessuno in questo momento nel settore smartphone e tablet, se non fosse per Google ed il suo sistema operativo. Lo stesso discorso si potrebbe fare per Samsung, diventata leader nel settore proprio grazie ad Android.

  • Elias Koch

    Ma se Google vive delle nostre info date via su android?? Suona tanto di fesseria questa notizia, o il tentativo di diventare indipendenti da android. Bada, Tizen, fireOS, sailfishOS etc purtroppo insegnano

    • Danilo Mancino

      Tizen un suo mercato ce l’ha, se poi aggiungi che ha solo due smartphone ufficieli non è poco.

      • Claudio D’Orazi

        Ma perchè coloro che temono cosi tanto Google come fosse una sorta di GF, non tornano al sicuramente discreto Nokia 3310 o magari ad un (già fallito) Windows Phone? Nessun dottore prescrive smartphone Android…..

        • Santo Alibrandi

          Che poi, onestamente, un utente medio di cosa dovrebbe avere paura? Potrei capire Obama o un Capo di Stato, ma tra i comuni mortali non vedo quale sia il problema, anzi, a volte gli annunci e le offerte mirate per me sono state utili!

          • Claudio D’Orazi

            Quoto al 100. Per quanto mi riguarda Big G e i suoi servizi, tutti (o quasi) di assoluta eccellenza mi hanno semplificato, e non di poco, la vita! E siccome non ho nulla da nascondere……

          • Santo Alibrandi

            Esatto!

        • Danilo Mancino

          Il punto non è la privacy in questo caso e nessuno ha parlato di questo, è una questione di maggiori guadagni avere un sistema proprio che puoi controllare

    • Alessandro

      Tizen un suo futuro ce l’ha! Le Smart tv di samsung (praticamente le uniche comprate) hanno tizen, gli smartwatch hanno tizen, anche i futuri elettrodomestici avranno tizen, gli altri sono d’accordo che sono monnezza

      • Elias Koch

        forse hai ragione, solo perché samsung ha giá il controllo di quasi tutti gli ambienti domestici

      • Danilo Mancino

        Anche due smartphone ufficiali hanno Tizen

Top