Vale la pena passare da Samsung Galaxy S9+ a Galaxy S10+? Ecco pro e contro (video)

Vale la pena passare da Samsung Galaxy S9+ a Galaxy S10+? Ecco pro e contro (video)
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/galax10_vs_s9_plus_tta-460x345.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/galax10_vs_s9_plus_tta-635x477.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/galax10_vs_s9_plus_tta.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/galax10_vs_s9_plus_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/galax10_vs_s9_plus_tta.jpg"}, "title": "Vale la pena passare da Samsung Galaxy S9+ a Galaxy S10+? Ecco pro e contro (video)" }

Samsung ha lanciato la nuova serie di Galaxy S ed è stata accolta con molto entusiasmo dai fan. Noi stiamo provando il Samsung Galaxy S10+ già da diversi giorni e, in attesa della recensione completa, vi proponiamo oggi un confronto con il suo predecessore.

Abbiamo organizzato la panoramica di confronto tra Samsung Galaxy S9 Plus e Samsung Galaxy S10+ per punti, evidenziando quindi alcuni buoni motivi per fare il passaggio al nuovo flagship e altri per preferire ancora il Galaxy S9 Plus, tuttora valido.

Video confronto tra Samsung Galaxy S10 Plus e Galaxy S9 Plus

Dove Galaxy S10+ è migliorato rispetto a S9+

Nel display prima di tutto, il Dynamic AMOLED di Galaxy S10+ è semplicemente il miglior display che sia mai stato montato su uno smartphone, evidente quindi che sia superiore a quello del suo predecessore. Il miglioramento è stato netto, e anche se Galaxy S9 Plus rimane tuttora uno dei riferimenti in questo campo, l’azienda coreana ha fatto un piccolo miracolo, raggiungendo i 1200 nits di luminosità, con una qualità incredibile.

Le performance sono il secondo punto forte di S10+, il nuovo processore (da Exynos 9810 a Exynos 9820) è più sprintoso e l’aumento corposo della RAM a disposizione, insieme alle nuove memorie veloci UFS 3.0, costituisce un pacchetto vincente.

 

Anche sul fronte autonomia si è visto un deciso cambio di marcia, almeno sulla carta S10+ può vantare una riserva energetica maggiore, si è infatti passati dai 3500 mAh di Samsung Galaxy S9 Plus ai 4100 mAh di Galaxy S10+.
In questo momento la prova sul campo non ha dato i risultati sperati, ma l’ultimo aggiornamento ha cambiato le cose in positivo e ci sono certamente alcuni margini di miglioramento che andranno a confermare il buon rendimento del nuovo modello.

Il terzo ambito in cui Samsung ha lavorato è quello delle fotocamere, sulla parte posteriore ne è stata aggiunta una grandangolare, che dona molta versatilità in più, sulla parte anteriore un secondo “occhio” che cattura la profondità di campo per selfie professionali.
In termini di qualità al momento non ci pare che siano stati fatti grossi passi avanti, tuttavia le prospettive sono dalla parte di S10+ e già solo per la presenza della grandangolare l’esperienza di utilizzo sale di livello.

Nota: in galleria la prima foto è sempre di S10+

Dove S9 Plus resta una scelta migliore

Non ha senso passare da Samsung Galaxy S9 Plus a Samsung Galaxy S10+ se badate al portafoglio, in questo momento ci sono circa 500 Euro di differenza se guardiamo alle migliori offerte online e il gap qualitativo tra i due prodotti non è così ampio.
Il discorso cambia in caso di offerte particolari di Samsung per invogliare al passaggio, oppure se vi troverete a leggere questo articolo più in là durante l’anno, a distanza di mesi dal lancio sul mercato del nuovo modello.

Se cercate design ed ergonomia allora il Galaxy S10+ potrebbe deludervi rispetto al suo predecessore, non ci sono stati grossi cambiamenti a parte il doppio foro sul display, i materiali sono i medesimi e si notano solo rifiniture e dettagli estetici che vanno a cambiare la percezione globale del prodotto. Samsung Galaxy S9 Plus rimane comunque iconico con i suoi bordi curvi accentuati e la larghezza leggermente inferiore favorisce una migliore ergonomia.

Il sistema di sblocco con riconoscimento dell’impronta ultrasonico non ci ha completamente convinto, Samsung contestualmente ha eliminato lo scanner dell’iride e il sensore di pressione posizionato sotto al tasto virtuale home, due elementi che avevano il pregio di distinguere il flagship Samsung dal resto dei competitor, peccato.
S10+ ha anche una vibrazione meno corposa e un audio più piatto e squillante rispetto al vecchio modello, probabilmente due compromessi dovuti all’adozione di un design più sottile.

Vi diamo appuntamento alla recensione completa di Samsung Galaxy S10+ che arriverà tra qualche giorno, non prima di aver concluso i nostri consueti test.

Condividimi!