Con i prezzi dei top di gamma in rapida ascesa i produttori asiatici si sfidano sempre più spesso per il titolo di miglior best buy tra i top di gamma e Realme GT6 potrebbe effettivamente essere il vincitore. Il produttore cinese sta sempre di più alzando l’asticella nella produzione di dispositivi di qualità e privi di compromessi ma questa volta siamo in presenza di uno smartphone che vale la pena tenere d’occhio. Un design curato con materiali premium, un processore di ultima generazione, AI e un occhio di riguardo al gaming potrebbero essere i punti di forza che gli utenti stavano cercando, scopriamolo insieme nella nostra recensione completa.

Video Recensione Realme GT6

Design & Ergonomia

Realme GT6 ci ha stupito da subito per come ha rifinito ulteriormente l’esperienza d’utilizzo già osservata su altri dispostivi. Appare subito evidente la scelta di voler offrire uno smartphone senza rinunce in grado di competere con dispositivi apprezzati dagli utenti ma dal prezzo decisamente più elevato.

I materiali sono di livello, troviamo infatti una scocca realizzata in vetro nella parte posteriore che ci da una forte sensazione di solidità al tatto ma che lascia purtroppo troppo posto a sgradevoli impronte digitali. Il problema è comunque facilmente risolvibile applicando l’ottima cover presente in dotazione, una delle migliori tra quelle presenti in confezione con un dispositivo Android. Pur utilizzando un materiale nobile non si è sacrificato il risparmio di peso, infatti Realme GT6 pesa 199 grammi, veramente pochi se consideriamo il generoso display frontale.

Le dimensioni sono pari a 162 x 75 x 8.6 mm, importanti come è importante anche la diagonale del display da ben 6.78“. Anche qui non possiamo non fare i complimenti a Realme per la scelta di un pannello di qualità eccelsa, caratterizzato da una risoluzione di 1264 x 2780 pixel e una luminosità impressionante di ben 6000 nits di picco. In condizioni normali questa si ferma però a 1600 nits, che se consideriamo la media degli smartphone attualmente in commercio è un risultato davvero eccezionale tanto che si tratta di fatto di uno dei migliori display in commercio sotto ai 1000€. Non poteva ovviamente mancare un refresh rate di 120 Hz con tecnologia LTPO e un touch sampling rate di ben 2500 Hz in modalità gaming.

Realme GT6 ha linee molto morbide grazie alla curvatura sia sulla back cover che sul display e questo ne migliora tantissimo l’ergonomia che nonostante le dimensioni risulta essere buona in quasi tutte le situazioni. È certificato IP 65, quindi protetto da schizzi ma non da immersioni.

schermo gt6

Hardware & Prestazioni

Sotto il cofano di Realme GT6 che abbiamo testato troviamo 16GB di memoria RAM LPDDR5X e 512 GB di storage interno UFS 4.0 e il nuovissimo Qualcomm Snapdragon 8s Gen 3 con GPU Adreno 735. Si tratta di un SoC di nuova generazione con prestazioni paragonabili al classico 8 Gen 3 e un ottimo consumo energetico.

La cosa che però più di tutte rende Realme GT6 unico è la camera di dissipazione tre volte più grande rispetto ai suoi competitor. La scelta possiamo dire che sia stata dettata anche dal fatto che il dispositivo può essere overcloccato nella modalità di gioco per massimizzare le prestazioni e questo avrebbe comportato un evidente aumento della temperatura di utilizzo.

A livello prestazionale siamo tranquillamente ai livelli di altri top di gamma e di processori del calibro di Exynos 2400, con risultati davvero sorprendenti non solo nel quotidiano ma anche nel gaming. Realme GT6 ha fatto registrare un frame rate di 120fps con PUBG, per non parlare del fatto che sia uno dei primi smartphone a far girare Genshin Impact alla risoluzione di 1.5K. Inutile menzionare AnTuTu che oltre alla potenza bruta non ci da alcuna indicazione sul comportamento per l’utente medio.

Abbiamo trovato un device sempre pronto, scattante e mai in difficoltà con nessuna delle operazioni quotidiane come la navigazione web, la messaggistica o l’uso lavorativo dove ci sentiamo senz’altro di metterlo quasi alla pari di smartphone che sfiorano il doppio del suo prezzo.

lettore realme gt 6

Funzionalità

Realme GT6 arriva con Android 14 e l’ultimissima Realme UI arrivata alla versione 5.0. L’aggiornamento delle patch di sicurezza è ad aprile 2024, quindi indietro solo di un paio di mesi rispetto al momento della recensione.

L’interfaccia è completa e ben organizzata e troviamo tante sezioni in cui potremo personalizzare lo smartphone a nostro piacimento. Potranno infatti essere modificati gli sfondi e lo stile generale del device così come la schermata iniziale e di blocco o la barra di stato. Se siete manici della sicurezza il menù relativo alle emergenze lo abbiamo trovato completo e in grado di avere un buon livello di personalizzazione sull’invio di un segnale di SOS.

Inoltre fa la sua comparsa il NEXT Ai Lab che si occuperà di offrire le funzionalità in salsa AI che ultimamente vanno tanto di moda.

Fotocamera

Solitamente i dispositivi più economici si perdono sulla fotocamera, con prestazioni deludenti e sensori dal dubbio livello qualitativo. Realme GT6 utilizza invece due sensori da 50 megapixel, uno principale equipaggiato con un Sony LYT808 con dimensione 1/1.4″ e OIS, una periscopica da 75mm e un’ultra grandangolare questa purtroppo da 8 megapixel.

Un comparto però completo e di qualità che anche grazie all’uso dell’AI permette al dispositivo di fare scatti da camera phone anche in condizioni di scarsa illuminazione. La resa cromatica è buona e colori sono fedeli, anche quelli dell’incarnato. In particolare siamo rimasti davvero soddisfatti dagli scatti in notturna dove la modalità notte lavora benissimo per ridurre il rumore e garantire scatti luminosi e definiti.

Autonomia

Nonostante lo spessore contenuto Realme GT6 ha una batteria da ben 5500 mAh. Questa ci permetterà di arrivare a sera senza particolari rinunce e complice la ricarica da 120W potremo caricare il nostro smartphone in pochissimo tempo. Diciamo che non si tratta del miglior smartphone per durata della batteria ma grazie alla tecnologia LTPO e al processore poco energivoro non vi lascerà a piedi troppo facilmente. In termini di ore di display acceso durante la giornata varia molto in base a dove lo utilizzate: se molto all’aperto il display drenerà molto la batteria di conseguenza il range è tra le 4 ore e mezza e le 6 ore di utilizzo attivo.

porta gt6

In conclusione

Realme GT6 si propone sul mercato come il ritorno del flagship killer, ovvero quello smartphone dal prezzo più contenuto che riesce a far desistere dall’acquisto di un top di gamma perché sufficiente completo. Parlando di prezzi infatti la versione 16/512GB è in vendita infatti a 799€ ma in promozione lancio durante i primi giorni a 699€. Prezzi ancor più interessanti però per la versione 8/256 GB offerta a 599€ in promozione a 549€ e nella versione 12/256 GB offerta a 699€ in promozione a 599€ con in regalo il caricabatterie da 120W e le cuffie TWS Realme Buds Air 6.

Per queste cifre potremo portarci a casa un dispositivo quasi senza rinunce, dall’estetica alle prestazioni davvero da primo della classe. Se dovessimo sceglierlo rispetto ai suoi competitor sarebbe quindi senz’altro per il SoC, per lo schermo unico nel suo genere con la luminosità di ben 6000 nits di picco e per il comparto fotografico chiudendo però un occhio sul sensore ultra grandangolare.

Altre offerte

Pro:

    • Display di qualità e super luminoso;
    • Prestazioni di ottimo livello anche per il gaming;
    • Prezzo e promozione competitivi.

Contro:

    Voto finale:

    8.4