Samsung Galaxy Note 7, Samsung ci spiega come funziona lo scanner dell’iride

Samsung Galaxy Note 7, Samsung ci spiega come funziona lo scanner dell’iride
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/07\/Note7_tta9.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/07\/Note7_tta9-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/07\/Note7_tta9-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/07\/Note7_tta9.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/07\/Note7_tta9.jpg"}, "title": "Samsung Galaxy Note 7, Samsung ci spiega come funziona lo scanner dell’iride" }

Samsung Galaxy Note 7 è stato presentato ufficialmente da un paio di giorni e nell’attesa di poter provare con mano il nuovo phablet, molti utenti si chiedono quale sia l’esatto funzionamento dello scanner dell’iride. Come avete potuto vedere nella nostra breve anteprima il sistema funziona senza particolari incertezze e in maniera molto rapida. Ma qual è il sistema che permette a Galaxy Note 7 di riconoscere l’iride dell’utente? Ce lo spiega nel dettaglio la stessa Samsung mostrandoci quali sono i componenti coinvolti nell’operazione.

Samsung inizia ricordandoci qual è l’iride nell’occhio umano attraverso un semplice schema che identifica le parti principali dell’occhio. Ogni essere umano ha un disegno dell’iride unico per ogni occhio, sviluppato già in giovane età e che rimane immutato per tutta la vita. Si tratta di un disegno talmente complesso da essere praticamente impossibile da replicare, rendendo la scansione dell’iride uno dei sistemi biometrici di sicurezza più affidabili.

GalaxyNote7_Feature_Iris_Main_Final_2Una volta che l’utente ha registrato le informazioni sulla propria iride, memorizzate in maniera crittografata sullo smartphone, il sistema attiverà il LED a infrarossi e la fotocamera dedicata per leggere il disegno dell’iride e confrontarlo con quello salvato. L’utilizzo del LED a infrarossi permette di ottenere un’immagine che non è influenzata dal colore dell’iride, dalle luci ambientali e da altri fattori esterni, rendendo molto più semplice la lettura del disegno.

Il sistema di riconoscimento utilizzato da Samsung Galaxy Note 7 utilizza anche la luce emessa dal display per cavarsela in situazioni di scarsa illuminazione, garantendo il funzionamento in qualsiasi condizione. A differenza dei lettori di impronte digitali è possibile registrare l’iride di un solo utente garantendo l’assoluta sicurezza dei dati contenuti nello smartphone.

Per tutelare la salute dell’utente infine il sistema si disattiva automaticamente se l’occhio umano è troppo vicino o se rimane troppo a lungo esposto alla luce LED. Si tratta di uno scrupolo di Samsung visto che i LED ad infrarossi utilizzati su Samsung Galaxy Note 7 hanno superato i test della Commissione Internazionale Elettrotecnica (IEC) risultando assolutamente sicuri.

 

Fonte: Sammobile
Condividimi!