Spotify sta vendendo il database utenti agli inserzionisti

Sta diventando ormai una brutta abitudine quella che stanno prendendo molte società che per cercare di far quadrare i bilanci, o per portare nelle proprie casse delle ingenti some aggiuntive, vendono i propri database contenenti i dati personali di alcune decine di milioni di utenti.

L’ultima compagnia in ordine cronologico è stata Spotify, proprietaria di uno dei più famosi servizi di streaming musicale, che ha deciso di mettere in vendita i dati di oltre 70 milioni di utenti, permettendo a società di terze parti di conoscere moltissime informazioni sui gusti musicali, sull’età, sesso e molto altro.

I dati messi in vendita, con una formula che Spotify chiama acquisto programmatico, sono quelli degli utenti che utilizzano la versione gratuita e supportata da inserzioni pubblicitarie. Gli inserzionisti potranno così proporre degli annunci pubblicitari tagliati su misura per ogni utente, basati sui suoi gusti e sulle sue preferenze.

In questo modo Spotify cerca di colmare il “buco” da 200 milioni di dollari, insieme ad una maggiore quantità di contenuti esclusivi che dovrebbero convincere gli utenti della versione free a passare alla versione a pagamento, contribuendo al risanamento delle finanze del colosso dello streaming musicale.

 

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Il Morre

    altro motivo per il quale non uso spotify :)

  • Polymar77

    Fino a quando non mi fanno pagare il servizio di streaming, per me possono vendersi i miei dati a chi vogliono… tanto ormai temo siano diventati di dominio pubblico da tempo.

  • scumm78

    be’ ma mi sembra logico… se uno fornisce un servizio gratuito in qualche modo prima o poi dovra’ rientrare dei costi a meno di coprire i costi con introiti da altri dipartimenti della stessa compagnia. Considerato che spotify fa solo questo direi che per coprire i costi deve inventarsi qualcosa. E se qualcuno pensava che far sentire un po’ di pubblicita’ ogni tanto considerato quanto costa come diritti per lo streaming la musica era un ingenuo.

Top