Instagram potrebbe avere un problema: i dati degli utenti sono in pericolo?

Instagram potrebbe avere un problema: i dati degli utenti sono in pericolo?
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/logo_instagram_2019_tta_01-460x345.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/logo_instagram_2019_tta_01-635x477.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/logo_instagram_2019_tta_01.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/logo_instagram_2019_tta_01.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/logo_instagram_2019_tta_01.jpg"}, "title": "Instagram potrebbe avere un problema: i dati degli utenti sono in pericolo?" }

La sicurezza dei dati personali degli utenti è una tematica viva oggi più che mai: il sempre maggior numero di persone che approdano sul web accrescono ulteriormente i pericoli. David Stier, un noto ricercatore e consulente aziendale, ha affermato di aver scoperto una falla del sito web di Instagram che potrebbe aver causato la perdita di numeri telefonici e altri dati sensibili degli utenti.

Secondo l’esperto, infatti, il codice sorgente di alcuni profili Instagram potrebbero nascondere le informazioni dei consumatori. Alcuni malintenzionati, sempre secondo queste indiscrezioni, potrebbero facilmente raccogliere le informazioni e creare, potenzialmente, un intero database pieno zeppo di dati sensibili. Stier ha esposto, qualche mese fa, alla società il problema.

Facebook, a partire dallo scorso mercoledì, ha annunciato di star approfondendo il discorso. Poco tempo fa, Chtrbox, una società marketing indiana, aveva raccolto alcuni dati sensibili dei consumatori, che poi sono stati conservati in un database apparentemente non protetto. Instagram aveva annunciato che alcune indagini precedenti hanno interessato questa questione, che molti affiancano all’ipotetica scoperta di David Stier.

La raschiatura dei dati da un sito Web è relativamente facile.

Sono queste le parole pronunciate da Jason Hong, professore di informatica presso la Carnegie Mellow University ed esperto di privacy.

Cosa ne pensate?

Fonte: Cnet
Condividimi!