Il primo smartphone Meizu con Ubuntu potrebbe essere presente al CES di Las Vegas

Meizu e Canonical, Meizu e Ubuntu. Del connubio tra l’azienda cinese e la più nota distribuzione Linux (in versione mobile, Ubuntu Touch) si è spesso parlato ma finora non è stato raggiunto alcun risultato pratico.

Al MWC 2014 Meizu mostrò un MX3 con a bordo Ubuntu Touch e solo pochi mesi fa sono trapelate in rete alcune immagini di un MX4 equipaggiato con l’OS di Canonical. A Novembre le due società hanno stilato un accordo che, di fatto, ha confermato definitivamente la volontà di lanciare sul mercato uno smartphone Meizu con Ubuntu entro il 2015.

Fatte le dovute premesse passiamo alla notizia odierna. Zhang Heng, senior manager presso Meizu, ha recentemente confermato che il nuovo dispositivo sarà presente al CES di Las Vegas e al Mobile World Congress (MWC) di Barcellona.

Il dirigente ha inoltre parlato di una nuova interfaccia UFO (Ubuntu Flyme OS) ed ha accennato ad una corrispondenza tra il nuovo smartphone e il Meizu M1 Note (Blue Charm Note). Ma cosa significano queste informazioni? In primo luogo che Ubuntu Touch, al pari di Android, potrà probabilmente essere personalizzato con l’utilizzo di interfacce proprietarie. In secondo luogo che il primo smartphone Meizu con Ubuntu potrebbe essere basato sull’attuale M1 Note (condividendone l’hardware ovviamente).

Attendiamo con trepidazione il CES 2015 per poter confermare (o smentire) le parole di Zhang Heng.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • 1cr

    ubuntu è un sistema operativo coi suoi difetti ma completo, le applicazioni operative ed interattive con altri supporti diventano importanti e con possibilità di sviluppo e di integrazione anche molto superiori ad Android…
    Però i produttori HW smartphone devono proporre un phablet fatto per lavorare e smanettare con delle prerogative simili al galaxy note3 ma con una batteria maggiorata e intercambiabile da 10000 mAh (tipo Zerolemon) di serie, il pennino, e a voler strafare anche un pannello solare amorfo per chiudere lo chassis nel dorso e avere autonomia anche in mezzo al nulla…

  • bomdias

    Peccato che ubuntu sia indietro su lato desktop proprio per sviluppare questo infatti non è più la sistro più usata ora lo è linux mint :fonte distrowatch

  • Russeau

    Da quel che ho potuto vedere Ubuntu Touch sembra un prodotto realmente innovativo, speriamo bene.

Top