Samsung acquisisce Harman per una cifra prossima agli 8 miliardi di dollari

Samsung acquisisce Harman per una cifra prossima agli 8 miliardi di dollari
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/11\/harman-international-industries.png","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/11\/harman-international-industries-460x266.png","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/11\/harman-international-industries-635x367.png","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/11\/harman-international-industries.png","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/11\/harman-international-industries.png"}, "title": "Samsung acquisisce Harman per una cifra prossima agli 8 miliardi di dollari" }

Chi pensava che il ritiro dal mercato di Galaxy Note 7 avrebbe inferto un duro colpo alle finanze di Samsung, costringendola a rivedere le proprie politiche di sviluppo, sarà sorpreso dall’annuncio dell’acquisizione del gruppo HARMAN International Industries, effettuato oggi dal colosso sud coreano.

La trattativa si è perfezionata per una cifra prossima agli 8 miliardi di dollari e garantisce a Samsung una importante presenza nel mercato delle tecnologie connesse e nell’elettronica automotiveHARMAN ha infatti ottenuto circa il 65% del proprio fatturato di vendita dall’industria automobilistica e porterà la propria esperienza al servizio del gruppo sud coreano.

L’acquisizione di HARMAN porta sotto il controllo di Samsung anche i prestigiosi brand del gruppo, come Harman Kardon, JBL, AKG, Lexicon, Mark Levinson, Revel e Infinity, oltre ai marchi Bowers & Wilkins e Bang & Olufsen. Il meglio dei sistemi audio di altissima qualità quindi, che potrebbero presto trovare collocazione anche nei prodotti commercializzati da Samsung, siano essi smartphone, dispositivi VR o indossabili.

Al termine della transazione Harman continuerà ad operare sotto il controllo dell’attuale consiglio di amministrazione, risultando a tutti gli effetti una sussidiaria di Samsung, che manterrà gli stabilimenti produttivi, il quartier generale e tutte le dipendenze. Per chiudere l’operazione manca solo il benestare degli azionisti e degli organi di controllo, per cui il deal sarà chiuso solamente verso la metà del 2017.

Fonte: Sammobile