Pokémon Go: non fatevi ingannare dalle false applicazioni

Pokémon Go: non fatevi ingannare dalle false applicazioni
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/07\/pokemon-go-avatar-tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/07\/pokemon-go-avatar-tta-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/07\/pokemon-go-avatar-tta-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/07\/pokemon-go-avatar-tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/07\/pokemon-go-avatar-tta.jpg"}, "title": "Pok\u00e9mon Go: non fatevi ingannare dalle false applicazioni" }

Fate molta attenzione ad alcune false app che si spacciano per Pokémon Go o per applicazioni annesse: spesso includono malware pericolosi per il vostro smartphone.

Il fenomeno Pokémon Go è ormai dilagante, specialmente dopo il suo arrivo ufficiale sul Play Store anche in Europa e in Italia; tuttavia è bene non installare applicazioni non ufficiali, pur molto simili all’originale. Secondo ESET sono comparsi almeno tre “fake” sul Play Store.

Pokémon Go Ultimate ne è un esempio: l’applicazione, ora fortunatamente rimossa dal Play Store, poteva facilmente ingannare l’utente meno esperto; in seguito all’installazione essa veniva autonomamente rinominata “PI Network” e avviandola avreste potuto assistere all’immediato blocco del dispositivo, rendendo come unica azione possibile la rimozione della batteria e il riavvio dello smartphone.

Purtroppo non sarebbe ovviamente finita qui: in seguito al riavvio l’app in questione si sarebbe nascosta e avrebbe generato una serie di ads e annunci pubblicitari, facili da aprire involontariamente anche premendo su punti qualunque del display (anche semplicemente sullo sfondo).

Altre due app sarebbero state scovate: queste facevano comparire messaggi che invitavano gli utenti a pagare per fantomatici servizi antivirus. Fortunatamente nel momento in cui stiamo scrivendo tutte e tre sono già state rimosse dal Play Store, ma fate comunque attenzione perché potrebbero spuntarne altre simili. Quello che però sorge spontaneo chiederci è: com’è possibile che simili app possano arrivare tranquillamente sullo store ufficiale di Android?

Fonte: Engadget