IFTTT è uno dei migliori modi per usare uno smartphone, provatelo!

IFTTT è uno dei migliori modi per usare uno smartphone, provatelo!
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/01\/IFTTT_logo_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/01\/IFTTT_logo_tta-460x345.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/01\/IFTTT_logo_tta-635x477.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/01\/IFTTT_logo_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/01\/IFTTT_logo_tta.jpg"}, "title": "IFTTT \u00e8 uno dei migliori modi per usare uno smartphone, provatelo!" }

Se non conoscete IFTTT dovete assolutamente continuare nella lettura di questo articolo, perché vi faremo scoprire una delle migliori invenzioni legate al mondo degli smartphone.

IFTTT è una piattaforma per l’automazione, ovvero un complesso ecosistema articolato in applicazione e sito web, che mette in comunicazione applicazioni, servizi e dispositivi fisici e li fa interagire autonomamente.

Se vi sembra tutto troppo complicato non preoccupatevi, con il nostro video proviamo a spiegarvi tutto in modo semplice e con qualche esempio

Tutto quel che c’è da sapere su IFTTT

Cos’è IFTTT

IFTTT sta per “If This Then That”, che tradotto a spanne significa: Se si verifica questo, allora fai quest’altro.

In altre parole IFTTT è in grado di generare piccoli “programmi”, chiamati “Applet” in cui app, servizi e device reagiscono automaticamente a determinate condizioni in cui app, servizi e device si sono trovati.

Se (IF) un’app, servizio o dispositivo fisico, si trova in una determinata condizione o succede qualcosa (THIS), allora (THEN), agisci su questa app, servizio o device in un determinato modo (THAT).

L’aspetto “magico” di IFTTT è proprio quello di mettere in comunicazione dispositivi fisici, con applicazioni e servizi con combinazioni virtualmente infinite, tutto questo poi automaticamente.

Come funziona IFTTT?

IFTTT si basa sugli Applet, potete quindi attivare gli Applet più disparati scegliendo tra quelli preimpostati, oppure potete scegliere di crearne uno nuovo. Nella galleria seguente qualche Applet interessante e che mette in comunicazione elementi diversi.

Per usare IFTTT potete rivolgervi al sito web, oppure scaricare gratuitamente l’applicazione per Android.

Applet preimpostati

Come avrete intuito è solo questione di fantasia, potete rendere automatica l’interazione tra qualunque app, servizio o dispositivo supportato e scovare collegamenti perfettamente adatti a voi. Nel caso in cui vogliate creare qualcosa ex novo per soddisfare precisamente le vostre esigenze, allora passate al paragrafo successivo.

Creare un nuovo Applet

Creare un nuovo Applet è facilissimo, ci viene in aiuto anche la grafica intuitiva sia della parte web che all’interno dell’app.

Vi basterà toccare sul “+” nella scheda My Applets all’interno dell’app Android, poi toccare su This, selezionare l’app, il servizio o il device che determina la condizione, poi seguire le istruzioni per l’impostazione della condizione (questa saranno diverse in base al device, app o servizio che sceglierete).
A questo punto dovrete procedere nello stesso modo per l’impostazione del That, scegliendo prima l’operatore e poi l’azione da compiere.
Qui ogni operazione sarà diversa in base al device prescelto (per esempio con Gmail potrete inviare, ricevere o cancellare mail, con Android potrete compiere diverse azioni sullo smartphone ecc..).

Nella seguente galleria vedete in ordine il procedimento che abbiamo appena descritto.

Set di Applet speciali

Una volta capito il meccanismo di IFTTT è facile immaginare sviluppi interessanti, esistono ambiti che aprono un mondo di possibilità.
Basti pensare alla domotica, alle tante combinazioni di interazione tra sensori e device fisici, tra device e applicazioni o servizi.
Vi troverete a mettere in comunicazione un sensore Xiaomi, con una lampadina Philips Hue, oppure un prodotto per la sicurezza con una lampadina Yeelight.

Immaginate per esempio di collegare un sensore di movimento qualunque, con l’antifurto e con le lampadine smart di casa.
Un ladro si troverebbe in una casa illuminata improvvisamente a giorno, con antifurto che suona e magari le luci in giardino che cambiano colore, il suo peggior incubo!

Un ambito interessante riguarda gli assistenti smart Google Assistant e Alexa, con IFTTT è infatti possibile creare comandi personalizzati, ai quali l’assistente reagirà nel modo da voi determinato.

Per esempio potreste chiedere a Google: “Hey Google, mi metto al lavoro” e lui automaticamente regola l’altezza della scrivania, accende le luci dietro al monitor e spegne la TV.
La stessa cosa può avvenire con Alexa, vi basta creare un nuovo Applet e assegnare al This le funzioni di Google Assistant o Amazon Alexa.

All’interno del video vi abbiamo chiesto di indicarci l’ambito di approfondimento su cui concentrarci per un prossimo video dedicato a IFTTT, commentate con le vostre preferenze e vi accontenteremo.