PMA e A4WP si alleano per contrastare Qi, leader nella ricarica wireless

Se utilizzate un sistema di ricarica wireless per il vostro tablet o smartphone, ci sono buone probabilità che sia basato sullo standard Qi. Anche se è il più diffuso, lo standard Qi non è l’unico nel settore della ricarica wireless. Gli attuali concorrenti, PMA (Power Matters Alliance) e A4WP (Alliance for Wireless Power) hanno deciso di unire le forze nella speranza di riuscire a contrastare lo strapotere dell’attuale leader di mercato.

PMA e A4WP

 

PMA occupa attualmente la seconda posizione nel settore grazie ad alcuni telefoni dotati di questo standard, come la variante AT&T di LG G3. A4WP promuove lo standard Rezence, non ancora commercializzato, che offre alcune caratteristiche interessanti, come l’uso del Bluetooth per controllare il livello di carica, ricarica di più dispositivi contemporaneamente ed una potenza massima in uscita di ben 50W. La fusione delle due organizzazioni porterà dunque uno standard di ricarica wireless molto avanzato, ma potrebbe comunque essere troppo tardi.

Le ricerche di mercato hanno evidenziato che gli utenti preferiscono avere la funzionalità di ricarica wireless integrata nello smartphone, piuttosto che ricorrere a case esterni. La maggior parte dei produttori adotta la soluzione di Qi, quindi la nuova realtà dovrà cercare velocemente degli accordi con i principali costruttori per far si che venga adottato il proprio standard.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Luigi Notaro

    Senza considerare la mancanza del verbo al penultimo periodo, è *inquietante* il fatto che l’articolo non sia altro che una mera traduzione – parola per parola! – dell’articolo di Android Police.

    • voodoonet

      Ma vaff..

Top