Xiaomi lancia in crowdfunding la stufa Smartmi Electric Heater per l’equivalente di 38 euro

Xiaomi lancia in crowdfunding la stufa Smartmi Electric Heater per l’equivalente di 38 euro
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/12\/xiaomi-smartmi-heater-460x255.png","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/12\/xiaomi-smartmi-heater.png","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/12\/xiaomi-smartmi-heater.png","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/12\/xiaomi-smartmi-heater.png","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/12\/xiaomi-smartmi-heater.png"}, "title": "Xiaomi lancia in crowdfunding la stufa Smartmi Electric Heater per l’equivalente di 38 euro" }

Oramai lo sappiamo, e non ci stupiamo più: quasi non esiste un segmento di mercato che non sia stato battuto da Xiaomi. L’azienda, a dire il vero, il più delle volte non produce in prima persona cavatappi, ombrelli o climatizzatori, ma incuba le start up più interessanti o in alternativa fa leva sul proprio nome per “spingere” i prodotti più validi dei diversi brand che controlla.

È il caso di Smartmi, che ha lanciato in crowdfunding una nuova stufa elettrica: chi trovasse interessante il progetto e lo sostenesse in questa fase, qualora questo raggiungesse il budget necessario alla messa in produzione, riceverà lo Smartmi Electric Heater con la donazione di 299 yuan, circa 38 euro.

La stufa, diversamente dalle classiche a radiazioni, promette tempi di riscaldamento contenuti e maggior confort per via di una tecnologia che assicura il corretto tasso di umidità dell’aria. Un altro aspetto su cui gli uomini di Smartmi ripongono fiducia è il sistema di regolazione della temperatura, molto preciso, anche capace di mantenerla costante nel corso del tempo.

Poteva mancare il lato “smart” del gadget? Ovviamente no, e infatti lo Smartmi Electric Heater può connettersi al Wi-Fi di casa divenendo controllabile tramite l’app MIJIA e dunque anche da remoto. Al momento il crowdfunding pare limitato agli utenti cinesi.

Fonte: Gizmochina
Condividimi!