Questo sito contribuisce alla audience di

Xiaomi e Huawei litigano per lo smartphone con la fotocamera migliore

Durante il lancio di Xiaomi Mi Mix 3, Lei Jun, CEO del produttore cinese, ha provocato l’ira di Huawei nel momento in cui ha affermato che la configurazione della fotocamera del nuovo smartphone è migliore di quella di Huawei P20 Pro.

Attualmente Huawei P20 Pro guida la speciale classifica di DxOMark con ben 109 punti e il risultato ottenuto dallo Xiaomi Mi MIX 3, già noto al momento del suo lancio, è inferiore (103 punti, come il Samsung Galaxy Note 9). Ciò, tuttavia, non ha impedito a Lei Jun di dichiarare di avere una qualità fotografica migliore sul suo nuovo top di gamma.

La risposta di Huawei non si è fatta attendere troppo ed è arrivata attraverso le parole di Richard Yu, il quale ha dichiarato che nessun produttore di smartphone può superare Huawei P20 Pro in un breve periodo di tempo, soltanto Huawei può superare sé stessa.

In sostanza, un piccolo screzio che sottolinea la rigida e crescente rivalità che esiste tra i principali produttori di telefoni in Cina.

Fonte: Gizmochina

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • trinitron1

    A questo giro passo.
    Aspetto che escano i telefoni che fanno le radiografie

  • Alberto Pravisano

    Aspetto di vedere le foto al buio del mi mix 3

  • Michael Polisini

    Anche perché Huawei ancora non rivela il risultato DxOMark del Mate 20 Pro. Chissà, forse si avvicinerà alle fotocamere professionali…

    • Lorenzomx

      Non sai a che livello sono le fotocamere professionali. Magari a quelle di 10 anni fa.

      • Giovanni Brardinoni

        Non esiste nessuna camera professionale (possiedo Sony A9 e sony A7rIII) in grado di competere nenache lontanamente con i risultati attuali del P20 Pro con AI… ovviamente escludendo la dimensione del sensore come elemento di paragone. Il massimo risultato ottenibile ora con i modelli citati in termini di stabilizzazione, tanto per fare qualche esempio, sono 5 stop (io non sono mai riuscito a scendere sotto i tre massimo quattro stop) che significa per chi ha le mani ferme come roccia 1/15 di secondo, le foto in scarsa condizione di luce eseguite con P20 Pro superano di gran lunga il minuto… fai tu!!! Senza contare che il software di generazione del formato JPG in camera non fa neanche un decimo di quello che fanno gli smartphone. Ne consegue che per ottenre risultati anche solo decenti con le “fotocamere professionali” devi anche essere uno molto bravo nella postproduzione, il che non è certo alla portata di tutti…
        Sono anni che sostengo che i produttori di fotocamere (Canon, Nikon in primis ma anche Sony per certi versi) dovrebbero attingere dal mercato degli smartphone in termini di competenze e professionalità per eralizzare prodotti che sarebbero assai più efficaci di queli attuali (es.: interfaccia dei menu, software di elaborazione in camera, ecc.). Non a caso Zeiss sembra esserci arrivata prima degli altri…

        • Spregevole

          Il tuo commento dovrebbe farti avere un ergastolo. Le fotocamere professionali sono anni luce avanti, se tu non sei capace di usarle non é un problema loro.

        • stephane thiam

          È una tua deduzione o hai fonti che confermino? Ti sei mai chiesto perché i fotografi non usino Huawei o iPhone per i loro servizi fotografici??

      • Michael Polisini

        Ho inserito tre punti appunto per far capire che stavo scherzando

Top