POCOPHONE F1 non è in grado di riprodurre video HD da Netflix, Hulu o Amazon

POCOPHONE F1 non è in grado di riprodurre video HD da Netflix, Hulu o Amazon
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/08\/pocophone_f1_anteprima_parigi_tta_06.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/08\/pocophone_f1_anteprima_parigi_tta_06-460x345.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/08\/pocophone_f1_anteprima_parigi_tta_06-635x476.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/08\/pocophone_f1_anteprima_parigi_tta_06.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/08\/pocophone_f1_anteprima_parigi_tta_06.jpg"}, "title": "POCOPHONE F1 non \u00e8 in grado di riprodurre video HD da Netflix, Hulu o Amazon" }

Torniamo ad occuparci di POCOPHONE F1, uno degli smartphone che più stanno stuzzicando la curiosità di appassionati e addetti ai lavori in questa ultima parte dell’estate.

Il device, disponibile anche in Italia ad un prezzo decisamente interessante, non supporta la tecnologia Widevine L1 e ciò significa che i suoi possessori non avranno accesso ai video di qualità HD dai servizi di streaming, come Netflix, Amazon Video, Hulu, BBC e tutte le principali piattaforme che si affidano a questo standard.

Widevine (un sistema DRM che garantisce che uno stream video non possa essere copiato illegalmente) prevede tre livelli ma qualsiasi flusso con risoluzione 720p o superiore richiede L1.

POCOPHONE F1 è dotato di L3, livello che abilita lo streaming 540p, una risoluzione che anche su uno schermo piccolo non è proprio il massimo.

Purtroppo Widevine non è un qualcosa che si può semplicemente installare e nemmeno un aggiornamento OTA può risolvere il problema.

Non si tratta dell’unico smartphone ad avere tale mancanza: nemmeno Xiaomi Mi 8, Xiaomi Mi A1 o Xiaomi Redmi Note 4 hanno il supporto Widevine L1.

Mal comune, mezzo gaudio?

Vai a: Honor Play vs POCOPHONE F1, il primo confronto da IFA 2018

Fonte: Gsmarena