Installare la ROM di Xiaomi EU risolve alcuni problemi di Xiaomi Mi 9

Installare la ROM di Xiaomi EU risolve alcuni problemi di Xiaomi Mi 9
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/xiaomi_mi_9_mi9_anteprima_mwc_tta_10.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/xiaomi_mi_9_mi9_anteprima_mwc_tta_10-460x345.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/xiaomi_mi_9_mi9_anteprima_mwc_tta_10-635x477.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/xiaomi_mi_9_mi9_anteprima_mwc_tta_10.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/xiaomi_mi_9_mi9_anteprima_mwc_tta_10.jpg"}, "title": "Installare la ROM di Xiaomi EU risolve alcuni problemi di Xiaomi Mi 9" }

Xiaomi Mi 9, il flagship della compagnia cinese presentato in Europa in occasione del MWC 2019, è sicuramente una delle migliori offerte per quanto riguarda il rapporto prezzo prestazioni ma, come ha evidenziato la nostra recensione, non è immune da difetti.

Nonostante il team di sviluppo di MIUI abbia rilasciato numerosi aggiornamenti per la versione Global, sia in beta sia in versione stabile, ci sono ancora alcune cose da sistemare. Senza attendere il rilascio di nuove versioni è possibile, almeno per gli utenti più smaliziati, installare una ROM alternativa che promette di migliorare decisamente la situazione.

Parliamo di Xiaomi.EU, una ROM che da anni accompagna gli smartphone Xiaomi. Si tratta sostanzialmente di una ROM basata su quella cinese, priva di qualsiasi bloatware inutile nei mercati occidentali, priva anche della pubblicità, completa dei servizi Google e con alcuni interventi che migliorano le prestazioni dello smartphone.

Migliorano ad esempio la precisione del GPS, i pagamenti NFC e le prestazioni della fotocamera, ma a beneficiare della custom ROM e sicuramente l’autonomia. Potrebbe sembrare impossibile ma da 3.300 mAh di batteria e possibile ottenere 8 ore di schermo acceso, senza dover sacrificare le prestazioni.

Certo, i benchmark parlano di prestazioni leggermente inferiori, ma l’assenza di bloatware e di servizi sostanzialmente inutili danno una sensazione di maggior fluidità innegabile. Certo, l’installazione richiede lo sblocco del bootloader, l’installazione di una custom recovery e qualche altro passaggio magari non alla portata di tutti.

Se però avete esperienza in merito potete cimentarvi in questa operazione e sfruttare al massimo il vostro Xiaomi Mi 9. Considerate che è possibile ricevere automaticamente gli aggiornamenti, che andranno installati ovviamente tramite recovery.

Trovate maggiori dettagli e i link per le risorse da scaricare a questo indirizzo.

Vai a: Recensione Xiaomi Mi 9: un vero e proprio top di gamma alla portata di tutti

Condividimi!