Al via la fase di beta testing privata di Android 9 Pie su Xiaomi Mi A1. E, sorpresa, c’è la radio FM

Al via la fase di beta testing privata di Android 9 Pie su Xiaomi Mi A1. E, sorpresa, c’è la radio FM
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/09\/xiaomi_mi_a1_11_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/09\/xiaomi_mi_a1_11_tta-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/09\/xiaomi_mi_a1_11_tta-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/09\/xiaomi_mi_a1_11_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/09\/xiaomi_mi_a1_11_tta.jpg"}, "title": "Al via la fase di beta testing privata di Android 9 Pie su Xiaomi Mi A1. E, sorpresa, c’\u00e8 la radio FM" }

Xiaomi Mi A1 è stato il primo prodotto dell’azienda cinese ad abbracciare con entusiasmo Android One. Il progetto di Google porta con sé la promessa di mantenere aggiornata la versione del robottino e di non lesinare sulle patch di sicurezza.

Su queste ultime Xiaomi è sembrata essere sul pezzo, meno sulla versione di Android: il Mi A1 ha ricevuto Android 8.1 Oreo la scorsa estate ed è ancora in attesa di Android 9 Pie, che invece è già stato rilasciato sui più recenti Xiaomi Mi A2 e Mi A2 Lite.

Tuttavia, nel silenzio, qualcosa si muove. Lo screenshot che vedete sopra proviene da una fonte anonima che lo ha inviato ai colleghi di fonearena, a testimonianza del fatto che il rilascio non è poi così lontano.

Android 9 Pie per Xiaomi Mi A1 è realtà per coloro che fanno parte del circuito di beta testing privato. Il firmware, ancora in stato semi-embrionale, è contrassegnato dalla build PKQ1.180917.001.V10.0.2.0.PDHMIFK ed integra le patch di sicurezza di dicembre.

La novità più importante che dovrebbe accompagnare la nuova versione del sistema operativo riguarda la radio FM: Xiaomi Mi A1 possiede il chip per agganciare le frequenze, non fosse che finora non è stato utilizzato. Android 9 Pie dovrebbe metterlo finalmente a disposizione dell’utente.

La carne al fuoco, lo avrete intuito, non manca. Servirà solo un po’ di pazienza, oppure scaricare e installare manualmente l’aggiornamento sotto forma di beta da questo indirizzo.

Condividimi!