TIM e Vodafone pronte all’accordo sulla condivisione delle reti mobili, ma Iliad non ci sta

TIM e Vodafone pronte all’accordo sulla condivisione delle reti mobili, ma Iliad non ci sta
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/05\/TIM-Vodafone-iliad.png","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/05\/TIM-Vodafone-iliad-460x259.png","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/05\/TIM-Vodafone-iliad-635x357.png","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/05\/TIM-Vodafone-iliad.png","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/05\/TIM-Vodafone-iliad.png"}, "title": "TIM e Vodafone pronte all’accordo sulla condivisione delle reti mobili, ma Iliad non ci sta" }

Potrebbe chiudersi entro la prossima estate l’accordo tra TIM e Vodafone per la condivisione attiva delle rispettive reti mobili. L’accordo farebbe seguito al memorandum d’intesa non vincolante sottoscritto dalle due compagnie nello scorso mese di febbraio, finalizzato allo sviluppo della rete 5G.

Come sottolinea Luigi Gubitosi, Amministratore Delegato di TIM, l’accordo consentirà di accelerare i lavori relativi alle reti di nuova generazione:

I negoziati per mettere a punto una partnership tra Tim e Vodafone Italia finalizzata alla condivisione della componente attiva della rete e il conseguente sviluppo del 5G in tempi più rapidi sono assolutamente in linea con quanto previsto e pensiamo di chiuderli entro l’estate. Ci permetterà di andare ancora più veloci poiché la copertura dell’intero Paese verrà fatta molto più velocemente rispetto a doverla realizzare con un approccio separato.

La situazione però non piace a Iliad, il quarto operatore italiano, il quale teme che la partnership fra TIM e Vodafone possa creare problemi alla concorrenza. Secondo Benedetto Levi, AD di Iliad, l’accordo potrebbe creare ostacoli ai piani di sviluppo dell’operatore francese.

Per questo la compagnia ha inviato una lettera all’Antitrust per monitorare gli effetti della partnership e una all’AGCOM per chiarire alcuni aspetti regolamentari.

Fonti: Mondomobileweb, Tariffando
Condividimi!