Realme 5 Pro è uno smartphone di fascia media svelato nell’agosto 2019 insieme al fratello Realme 5, dal quale riprende il design e alcune caratteristiche. Rispetto a quest’ultimo, la versione Pro presenta miglioramenti sotto quasi qualunque aspetto, che potete scoprire nel dettaglio continuando a leggere.

Se siete arrivati qui è perché volete saperne di più, quindi bando alle ciance e andiamo a scoprire caratteristiche tecniche, design, software, funzioni, immagini, prezzo e uscita di Realme 5 Pro.

Caratteristiche tecniche di Realme 5 Pro

Realme 5 Pro è uno smartphone che punta molto sul rapporto qualità prezzo, similmente al fratello “minore”. Il display è in questo caso da 6,3 pollici a risoluzione Full-HD+ (1080 x 2340 pixel), con vetro Gorilla Glass 5 e il “solito” piccolo notch a goccia; il rapporto screen-to-body è leggermente superiore rispetto a Realme 5 e tocca il 90,6%.

Il SoC è il Qualcomm Snapdragon 712 a 10 nanometri, con CPU octa-core (Dual 2,3 GHz Kryo 360 + Hexa 1,7 GHz Kryo 360) e GPU Adreno 616, accompagnato da 4 o 8 GB di RAM e da 128 GB di memoria interna UFS 2.1 (espandibile in ogni caso tramite microSD fino a 256 GB).

Il comparto fotografico è simile a quello di Realme 5, ma si spinge un po’ oltre: Realme 5 Pro ha infatti sempre una quadrupla fotocamera posteriore, ma cambia il sensore principale, in questo caso un Sony IMX586 da 48 MP con IA per il riconoscimento della scena, apertura f/1.8, EIS, flash LED e dimensione dei pixel di 1,12 micrometri. Per il resto sono presenti il sensore ultra-grandangolare da 8 MP (119°, apertura f/2.25 e pixel da 1,12 micrometri), il sensore di profondità da 2 MP (apertura f/2.4 e pixel da 1,75 micrometri) e il sensore per le macro da 2 MP (apertura f/2.4 e pixel da 1,75 micrometri). Nella parte frontale trova posto una singola fotocamera da 13 MP con apertura f/2.0. Frontalmente trova posto il sensore Sony IMX471 da 16 MP, con apertura f/2.0.

Lato connettività troviamo il supporto dual SIM (nano + nano + microSD) e Dirac HD sound, con 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 ac (2,4 GHz + 5 GHz), Bluetooth 5.0, GPS, GLONASS, porta USB Type-C, porta per il jack audio da 3,5 millimetri, radio FM. Non mancano il sensore di impronte digitali e la resistenza agli schizzi d’acqua.

La batteria è sensibilmente più piccola rispetto a quella di Realme 5: Realme 5 Pro può infatti contare su 4035 mAh, che dovrebbero comunque risultare più che sufficienti per un normale utilizzo.

Design di Realme 5 Pro

Realme 5 Pro è molto simile al fratello per quanto riguarda il design, dal quale riprende l’aspetto sgargiante, i riflessi e i particolari effetti di luce. Il modello Pro è però disponibile in due colorazioni differenti, denominate Sparkling Blue e Crystal Green.

Nella parte frontale vede spicca il piccolo notch a goccia, posizionato centralmente nella parte alta del display, che contribuisce ad assottigliare le cornici. Sul retro si fa invece notare la quadrupla fotocamera posteriore, accompagnata dal flash LED (più al centro) e dal sensore di impronte digitali. In basso, in verticale, spicca il marchio Realme. Le dimensioni sono di 157 x 74,2 x 8,9 mm, con un peso di 184g.

Software e funzioni di Realme 5 Pro

Realme 5 Pro viene commercializzato con Android 9 Pie e la personalizzazione ColorOS 6.0 Realme Edition, in attesa di vedere l’arrivo di RealmeOS, già tanto chiacchierato nel periodo della presentazione (agosto 2019). Il software riprende la ColorOS di OPPO, integrando qualche funzione specifica per gli smartphone a marchio Realme: si tratta di una personalizzazione di Android piuttosto “pesante”, quindi non aspettatevi di trovare molte similitudini con la versione stock del robottino verde.

Video recensione Realme 5 Pro

https://www.youtube.com/watch?v=lOhx9dPoPnw

Recensione Realme 5 Pro

Vi proponiamo ora la recensione di Realme 5 Pro. È uno smartphone che riesce a stupire molto non tanto per i colori cangianti della scocca, comunque molto appariscenti e sofisticati, ma per la texture “sfaccettata” della stessa che rende il telefono curioso da osservare sotto più angolazioni. Il prezzo a cui viene proposto è allettante, la dotazione hardware molto buona e l’esperienza d’uso è più che soddisfacente. Non si fa mancare proprio nulla.

Pesa 184 grammi e ha delle dimensioni importanti. Lo si riesce ad usare con una mano facendo particolare attenzione a non farlo scivolare a terra; in questo ci può venire in aiuto la modalità ad una mano. I bordi curvi 3D posteriori contribuiscono a indebolire la presa sul dispositivo, così come i materiali di cui è realizzato: vetro nel posteriore e frame in metallo.
Buona solidità e buoni materiali, dal touch and feel soddisfacente e dal trattamento oleofobico efficace.

Il display con notch a goccia è di tipo LCD da 6,3 pollici e risoluzione FHD+. Sebbene la tipologia di pannello non riesca ad offrire ottimi contrasti e vivacità dei colori come accade invece con i pannelli AMOLED, risulta comunque discreto e dalla buona luminosità. Sicuramente sicuramente non brilla per impatto visivo e non è il migliore sulla piazza.

Trovano posto nella lato inferiore il jack audio 3,5mm, ingresso Type-C e speaker mono con supporto alla tecnologia Real Sound per gli auricolari collegati. Il sonoro emesso è di buona qualità, in linea con la fascia media.

Il sensore fingerprint è posto nel retro dello smartphone e risulta preciso e rapido, raramente sbaglia nel riconoscimento del polpastrello. Disponibile anche il face unlock, anch’esso altrettanto rapido ed immediato.

Il chipset Snapdragon 712 conferisce allo smartphone delle buone performance, puntando più al risparmio energetico che alla potenza del processore. Capita che si prenda il suo tempo o che mostri esitazione, con una reattività non sempre al top.

Le sessioni di gioco risultano sufficientemente fluide con settaggi grafici standard, ma non manca qualche sporadico drop frame. L’esperienza multitasking è ben gestita grazie agli 8 GB di RAM in dotazione.

L’hardware riesce ad ottimizzare molto bene l’uso della batteria. Arrivare a sera con una carica non è affatto difficile: abbiamo totalizzato 8 ore e 30 minuti di schermo attivo e una carica residua di circa il 20% con uso medio, a tratti medio-basso. Non stressandolo molto si arriva a 2 giorni di utilizzo senza molti problemi.
Ottima poi la possibilità di ricarica Realme 5 Pro sfruttando ricarica VOOC e caricatore in dotazione da 5V 4A.

A bordo c’è la ColorOS 6 con un’interfaccia pesantemente personalizzata, ma poco ottimizzata per palette colori e gestione dei menu nelle impostazioni. Inoltre, come abbiamo già affermato in più occasioni, le traduzioni in italiano di parte della UI andrebbero riviste data la loro imprecisione o approssimazione generale.

Realme 5 Pro non vuole restare indietro e punta molto sulla fotografia. È in linea con la fascia media e offre buona resa visiva. L’HDR risulta efficace, la taratura colore è naturale e offre una buona definizione anche con scarsa luce. Forse ci saremmo aspettati un’efficacia un po’ più spinta nella riduzione del rumore video, spesso presente e visibile negli scatti al buio soprattutto negli scatti con zoom 2x e 5x digitali.
Con la modalità Ritratto il ritaglio del soggetto risulta molto preciso offrendo anche un bokeh soddisfacente. Si nota piuttosto facilmente la differente taratura colore e la differente definizione fotografica tra sensore ultra-wide e principale a 48MP.

Fortunatamente la modalità di scatto notturno ovvia in parte al problema dell’eccessivo rumore video.

Non manca inoltre all’appello un sensore macro, che per via della sua modalità d’uso così ravvicinata si può cogliere l’occasione ed effettuare degli scatti più ricercati e inusuali.

Le clip video vengono registrate fino al 4K a 30 fps, con una taratura colori naturale e una buona stabilizzazione digitale. oltre alla possibilità di attivare il bokeh live durante la registrazione di clip. Purtroppo al sensore ultra-grandangolare è interamente preclusa la registrazione video, consentendo di registrare clip esclusivamente con il sensore principale.

Immagini di Realme 5 Pro

Prezzo e uscita di Realme 5 Pro

Realme 5 Pro è stato presentato il 20 agosto 2019 ed è disponibile all’acquisto anche in Italia nei colori Crystal Green e Sparkling Blue a 229,99 euro nella configurazione 4 – 128 GB e a 279,99 euro per la 8 – 128 GB.