Il display di Samsung Galaxy S10 è il migliore e affatica di meno gli occhi, secondo Samsung

Il display di Samsung Galaxy S10 è il migliore e affatica di meno gli occhi, secondo Samsung
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/samsung_galaxy_s10_17_tta.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/samsung_galaxy_s10_17_tta-460x345.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/samsung_galaxy_s10_17_tta-635x477.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/samsung_galaxy_s10_17_tta.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/samsung_galaxy_s10_17_tta.jpg"}, "title": "Il display di Samsung Galaxy S10 \u00e8 il migliore e affatica di meno gli occhi, secondo Samsung" }

Samsung riesce a migliorare i display dei suoi smartphone di punta di anno in anno e con i nuovi Galaxy S10 ha colpito ancora, implementando quelli che sono i migliori display OLED sul mercato e al contempo quelli che affaticano di meno gli occhi degli utenti.

Sono passati ormai dieci anni da quando il produttore sudcoreano introdusse il primo display AMOLED per dispositivi mobile, era infatti il 2009 quando venne presentato il primo smartphone con schermo Haptic AMOLED.

Un decennio più tardi, con i nuovi Galaxy S10 e Galaxy S10+, Samsung ci ha fatto conoscere i suoi nuovi display Dynamic AMOLED, ancora una volta i migliori al mondo per smartphone. Non soltanto questi nuovi pannelli sono in grado di offrire una qualità delle immagini senza precedenti, ma al tempo stesso risultano particolarmente confortevoli per gli occhi dell’utilizzatore. Il raggiungimento di un simile risultato, come ha spiegato un dirigente del colosso sud-coreano, ha richiesto uno sforzo molto importante.

Dynamic AMOLED: cosa li rende speciali

I nuovi display Dynamic AMOLED dei Samsung Galaxy S10 supportano lo standard HDR10+ e, con la riproduzione di 16 milioni di colori ed una risoluzione elevata, sono capaci di mostrare agli utenti immagini di una qualità elevatissima.

Ad ogni modo, il vero asso nella manica di questi display è la tecnologia Dynamic Tone Mapping, che ottimizza la qualità delle immagini in base al contrasto luce-buio, similmente a come i nostri occhi si adattano alla quantità di luce che ci circonda.

Galaxy S10 è il primo smartphone a ricevere la certificazione “100% Mobile Color Volume” per la capacità di riprodurre le immagini in maniera realistica. A questo proposito, il display del nuovo flagship ha ottenuto 0,4 nel test di valutazione Just Noticeable Color Difference (JNCD) di DisplayMate, migliorando nettamente i risultati dei precedenti Galaxy S9 e Galaxy Note 9. Per raggiungere un risultato così importante in termini di precisione nella resa dei colori, Samsung ha tenuto conto delle preferenze degli utenti, studiando quelle di oltre 2.000 persone provenienti da 15 Paesi diversi sparsi per il mondo.

Con il display di Galaxy S10 Samsung è riuscita a ridurre del 42% le emissioni di luce blu, questo le è valso la prestigiosa Eye Comfort Certification da parte del TÜV Rheinland.

Byungduk Yang, Vice President della Samsung Mobile Communications Division, ha espresso soddisfazione per tutti i riconoscimenti e manifestato la volontà di Samsung di continuare a migliorare per offrire ai propri utenti la massima qualità possibile e soluzioni che portino dei reali benefici.

Vai a: Recensione Samsung Galaxy S10+Recensione Samsung Galaxy S10

 

 

Fonte: Sammobile