Samsung Galaxy A5 (2017) potrebbe ricevere Android 9 Pie

Samsung Galaxy A5 (2017) potrebbe ricevere Android 9 Pie
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/Galaxy_a5_2017_9_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/Galaxy_a5_2017_9_tta-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/Galaxy_a5_2017_9_tta-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/Galaxy_a5_2017_9_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/Galaxy_a5_2017_9_tta.jpg"}, "title": "Samsung Galaxy A5 (2017) potrebbe ricevere Android 9 Pie" }

Samsung Galaxy A5 (2017) potrebbe ricevere l’aggiornamento ad Android 9 Pie. Nonostante questo non fornisca alcuna certezza, lo smartphone di fascia media è comparso su Geekbench con a bordo l’ultima distribuzione del robottino.

Samsung ha diffuso qualche giorno fa una roadmap per gli aggiornamenti ad Android 9 Pie, nella quale ha fornito non solo le tempistiche previste per i vari rollout, ma anche la lista di modelli che riceveranno l’ultima major release. Tra questi non compare Galaxy A5 (2017), così come altri modelli (ad esempio Galaxy A6 e A6+, di recente commercializzazione).

Galaxy A5 (2017) è stato lanciato a inizio gennaio 2017 e si appresta a compiere due anni di vita: uscito con Android 6.0 Marshmallow, ha ricevuto già due aggiornamenti, Android 7.0 Nougat e 8.0 Oreo. Non c’è due senza tre? Normalmente sarebbe quasi impossibile, del resto i precedenti con la gamma Galaxy S sono lampanti (anche Galaxy S7 e S7 edge potrebbero fermarsi e non ricevere Pie), ma per uno smartphone commercializzato con Marshmallow in pieno “periodo Nougat” non è detta l’ultima parola.

Samsung potrebbe fare un bel regalo ai possessori di Galaxy A5 (2017)? La comparsa del dispositivo su Geekbench con a bordo Android 9 Pie sembra puntare in questa direzione, ma vi consigliamo di non sperarci troppo: magari il colosso sud-coreano sta eseguendo dei semplici test “esplorativi”, o potrebbe trattarsi di un falso.

Ndtv