Google ARCore e Linux on Galaxy, due soluzioni per sfruttare la potenza dei nuovi flagship

Google ARCore e Linux on Galaxy, due soluzioni per sfruttare la potenza dei nuovi flagship
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/05\/01SamsungDex_tta.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/05\/01SamsungDex_tta-460x259.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/05\/01SamsungDex_tta-635x357.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/05\/01SamsungDex_tta.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/05\/01SamsungDex_tta.jpg"}, "title": "Google ARCore e Linux on Galaxy, due soluzioni per sfruttare la potenza dei nuovi flagship" }

Samsung DeX, del quale vi abbiamo parlato approfonditamente in un video dedicato, è un accessorio che permette di trasformare i nuovi top di gamma del gruppo sud coreano in veri e propri PC desktop. Grazie alla nuova app annunciata ieri nella conferenza dedicata agli sviluppatori, Samsung DeX potrebbe diventare ancora più interessante.

Linux on Galaxy può essere installata sui nuovi Galaxy e permette di installare la propria distribuzione Linux preferita. In questo modo gli sviluppatori avranno sempre con sé un ambiente nativo Linux nel quale testare il proprio software e grazie a Samsung DeX potranno farlo anche su uno schermo più grande di quello di uno smartphone.

Si tratta di una soluzione interessante, che potrebbe rendere utile la nuova dock anche ad altre tipologie di utilizzatori oltre agli utenti finali, che con ogni probabilità mostreranno poco interesse per Linux on Galaxy.

Maggior interesse potrebbe invece suscitare l’accordo stretto con Google, che permetterà di portare il framework ARCore anche sugli smartphone Galaxy di Samsung. Ricordiamo che si tratta di una piattaforma per la creazione di applicazioni in Realtà Aumentata che, dopo l’accordo annunciato ieri, sarà supportata dagli attuali Samsung Galaxy S8/S8 Plus e Samsung Galaxy Note 8 ma anche da tutti i dispositivi presentati in futuro.

In questo modo Samsung potrà concentrarsi sullo sviluppo di applicazioni invece di una propria piattaforma, mentre Google potrà affermare il proprio standard contando anche sugli enormi volumi di vendita generati dal colosso asiatico.

Vai a: Trasformare Galaxy S8 in un PC con Samsung DeX: il futuro, ma non per tutti

Fonti: Androidcentral, Theverge