Amazfit GTR è quello smartwatch che tutti stavamo aspettando. Non sarà il più completo sul mercato, non sarà il più reattivo e nemmeno il più bello, ma ha una caratteristica fondamentale per un dispositivo del genere: una lunga autonomia, paragonabile praticamente a quella delle smartband Mi Band, divenute famose proprio grazie a questa peculiarità.

In questa recensione di Amazfit GTR vi raccontiamo tutto su specifiche, funzionalità, pro e contro e disponibilità in Italia.

Video recensione Amazfit GTR

Design e qualità costruttiva

Amazfit GTR si fa notare fin da subito per il suo design e la sua costruzione. Ha un’anima elegante e il cinturino in dotazione in pelle marrone non fa altro che esaltare questa sua caratteristica, che lo rende meno appariscente e “strano” rispetto ai precedenti smartwatch della casa.

Esteticamente è molto bello e ben costruito: il corpo è in acciaio e ceramica, molto piacevole al tatto, il cinturino invece è rivestito in pelle esternamente, mentre internamente in gomma morbida ondulata, caratteristica che ho davvero apprezzato perché evita di far sudare il polso. Ovviamente si tratta di un cinturino di dimensioni standard ed è quindi sostituibile con altri di dimensione da 22mm (la variante 42 mm dello smartwatch invece supporta cinturini da 20 mm).

In quanto a solidità e robustezza durante il periodo di prova è stato maltrattarlo contro muri e superfici ruvide senza però presentare alcun segno di cedimento, segno che i materiali sono stati scelti con cura.

Il  display è da 1,39 pollici di tipo AMOLED con risoluzione 454 x 454 pixel, sufficientemente definito e molto luminoso; non è transreflective come l’Amazfit Stratos ma non avrete alcun problema ad utilizzarlo sotto la diretta luce del sole, anche perché interviene la regolazione automatica della luminosità che è decisamente efficace. È ovviamente touch ma sulla destra dell’orologio ci sono due pulsanti fisici: quello superiore permette di raggiungere la home o interrompere un’attività sportiva in corso, quello inferiore è programmabile a piacimento, io ad esempio l’ho impostato per aprire le notifiche.

Come già evidenziato esistono due varianti dell’Amazfit GTR:

Amazfit GTR è resistente all’acqua fino a 50 mt di profondità ed utilizzabile senza problemi in piscina e in mare per monitorare il nuoto.

Hardware e Performance

Amazfit GTR possiamo definirlo quasi più uno sportwatch che uno smartwatch, avendo infatti un sistema operativo limitato e votato alle funzionalità sportive. La dotazione di sensori è composta da Bluetooth 5.0 low energy, sensore BioTracker per rilevare il battito cardiaco, accelerometro a 6 assi, gps, sensore di pressione atmosferica, oltre al già citato sensore di luminosità. Un pacchetto completo alimentato da una batteria da 410 mAh che si ricarica in circa 2 ore con la basetta in dotazione.

La sua pecca maggiore? Una vibrazione secca e prolungata, non piacevolissima ma si fa sentire e quindi non vi perderete alcuna notifica.

Come preannunciato l’autonomia è di ottimo livello: mantenendo attive le notifiche, la misurazione del battito cardiaco, dei passi e una attività sportiva al giorno con utilizzo del GPS, si scarica di circa un 5% giornaliero il che vuol dire ben 20 giorni di autonomia.

Le prestazioni, trattandosi di un orologio riassumibili nel come si muove tra le varie schermate, non sono entusiasmanti: come lo Stratos lagga nella maggior parte delle transazioni ma ci si può chiudere un occhio.

Funzioni Smart

Le funzioni smart di Amazfit GTR sono riassunte nella possibilità di ricevere le notifiche al polso e di cambiare watchface fra quelle disponibili nell’app Amazfit.

Le notifiche sono visualizzate chiaramente sul display ma solo per alcune app avrete la possibilità di leggere completamente i messaggi, mentre per la maggior parte avrete solo un’anteprima del testo della notifica. In ogni caso non si può rispondere in alcun modo alle notifiche né archiviarle una per una, è possibile solamente archiviarle in blocco.

Dall’orologio è poi possibile silenziare o rifiutare una chiamata in arrivo e far suonare il telefono se questo si trova collegato via Bluetooth.

Non si tratta chiaramente di un set di funzioni paragonabili ad Android Wear o Tizen ma non a caso l’autonomia non è nemmeno paragonabile, in positivo, rispetto agli smartwatch con questi OS. L’interfaccia è abbastanza semplice e intuitiva, attraverso il menu delle funzioni, apribile trascinando il dito dal basso verso l’alto, è possibile accedere a tutte le varie funzioni.

Tramite tale menu possiamo accedere al riepilogo giornaliero, alla rilevazione del battito cardiaco, alla voce Esercizi dove possiamo scegliere fra 12 attività fra cui Nuoto, Sci,Ellittica e Pesi, al riepilogo delle attività svolte più di recente, al meteo con anche le previsioni i giorni futuri, alla musica per andare avanti o indietro fra le tracce, alle notifiche, sveglia, bussola cronometro, conto alla rovescia e cerca cellulare, oltre alle classiche impostazioni.

La gestione dell’orologio avviene tramite l’app Amazfit, scaricabile gratuitamente dal Play Store, da cui potremo aggiornare il firmware dell’orologio e modificare alcune impostazioni di base. La stessa applicazione viene impiegata per la visualizzazione e la fruizione di tutte le statistiche di fitness tracking e attività sportive.

Funzioni Sport e fitness

Amazfit GTR si propone prima di tutto come sportwatch e il team ha lavorato duramente per renderlo compatibile con tantissime attività, ognuna con parametri di rilevamento diversi. In molti casi otterremo un livello di statistica invidiabile dai migliori sportwatch, in altri ci sono lacune inaccettabili da chi cerca un prodotto veramente completo.

Le attività che riesce a tracciare sono numerose: corsa, camminata, ciclismo, corsa domestica, ciclismo al coperto, nuoto libero, ellittica, alpinismo, corsa in pista, sci, esercizio (pesi). In genere un ‘ottima rilevazione con un’impeccabile GPS (seppur lento nel fix) e un preciso altimetro barometrico.

Rispetto all’area sportiva si sente la mancanza di un software più ampio legato alla preparazione degli allenamenti, manca anche il supporto a espansioni Bluetooth o Ant+ come sensori di cadenza, di velocità o fasce cardio.

Una nota positiva va certamente riservata alla visualizzazione delle statistiche e delle varie schermate durante la pratica sportiva, al netto di qualche mancanza su sport minori, troverete tutto ciò che vi serve e potrete fruirlo senza mai dover toccare il touchscreen grazie ai tre tasti funzione.

Il resoconto delle attività, ma anche i dati sul rilevamento della qualità del sonno, calorie bruciate e passi, è visionabile sia dall’orologio che dall’app Amazfit, il tutto è poi sincronizzabile con l’account di Strava, sempre con un’ottima la fruibilità dei dati, ben organizzati e chiari.

In conclusione

Doverosa premessa prima di tirare le conclusioni: Amazfit GTR è arrivato sul mercato da pochi giorni (rispetto al momento in cui scriviamo questa recensione) e in questo lasso di tempo ha ricevuto già 3 aggiornamenti che hanno portato diverse novità lato user experience. Così sarà anche in futuro dato che Huami, la casa produttrice, aggiorna frequentemente i propri dispositivi e, considerando che ci troviamo di fronte a un OS tutto nuovo, è probabile che questi si susseguiranno molto velocemente.

Questa è una buona notizia perché vuol dire che Amazfit GTR sarà in costante evoluzione e se oggi è limitato in alcune cose non è detto che lo sia anche in futuro.

Fatta questa premessa ci troviamo di fronte a un prodotto di assoluta qualità: un ottimo display, sensori sufficientemente completi (c’è anche l’NFC ma al momento non utilizzabile per i pagamenti qui da noi), e soprattutto un’autonomia da far invidia. Potrete dire basta alle ricariche giornaliere o settimanali a cui devono sottostare tutti gli altri smartwatch.

Amazfit GTR è disponibile in Italia e da Gearbest (che ringraziamo per averci fornito questo sample) al prezzo di circa 149 Euro. Potete acquistarlo a sul sito Gearbest.com a 136 Euro circa.


🔥 Non perderti le migliori offerte sulla tecnologia, segui il nostro canale Telegram: t.me/PrezziTech 🔥