Qualcomm sta testando gli Snapdragon 6150 e 7150 per la fascia media del mercato

Qualcomm sta testando gli Snapdragon 6150 e 7150 per la fascia media del mercato
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/qualcomm_mwc18_tta_03.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/qualcomm_mwc18_tta_03-460x259.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/qualcomm_mwc18_tta_03-635x357.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/qualcomm_mwc18_tta_03.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/qualcomm_mwc18_tta_03.jpg"}, "title": "Qualcomm sta testando gli Snapdragon 6150 e 7150 per la fascia media del mercato" }

Non è solo la Mobile Platform Qualcomm Snapdragon 8150 nell’immediato futuro di Qualcomm che, secondo alcuni database di importazione e repository su Github, starebbe sviluppando anche Snapdragon 6150 e Snapdragon 7150, due prodotti destinati alla fascia media del mercato.

In entrambi i casi dovrebbe essere utilizzata una CPU octa core, basata sulla versione aggiornata dei core Kryo, anche se al momento non ci sono indicazioni relative alle frequenze operative e alle GPU che gestiranno la parte grafica. Mentre la piattaforma Snapdragon 6150 dovrebbe supportare “solo” schermi FullHD+, doppia fotocamera posteriore e singola frontale.

Nella piattaforma di riferimento utilizzata per i test Qualcomm ha utilizzato sensori posteriori da 12 e 13 megapixel e frontale da 13 megapixel, ma è probabile che possano essere utilizzate anche alter combinazioni. La destinazione naturale sembra dunque la fascia medio-bassa del mercato, l’opposto rispetto alla piattaforma Snapdragon 7150.

Quest’ultima supporta schermi QHD+, una soluzione solitamente appannaggio degli smartphone più costosi, doppia fotocamera posteriore e singola frontale, almeno per quanto riguarda il modello di riferimento, ma non è escluso che possa essere supportato un numero maggiore di fotocamere.

Al momento mancano altri dettagli sulle due piattaforme mobili, ma è probabile che nel corso delle prossime settimane ne sapremo molto di più.

Fonte: Winfuture