Non sarà sfuggito a chi segue OnePlus un po’ più da vicino il leggero aumento di prezzo subito dai cavi di ricarica originali. Il balzello è scattato nel passaggio dalla “vecchia” Dash Charge alla più recente Warp Charge, tecnologia quest’ultima che permette di somministrare a OnePlus 7 Pro una potenza di 30 watt in luogo dei precedenti 20.

I cinque euro in più saranno motivati da una differente struttura del cavo adeguata a sopportare la maggior potenza, deve aver pensato qualcuno nel tentativo di comprendere la mossa dell’azienda cinese. Errato: i precedenti cavi piatti Dash Charge sono perfettamente in grado di ricaricare un OnePlus 7 Pro a 30 watt, allo stesso modo dei recenti cavi Warp Charge.

I risultati empirici del tweet sono stati confermati da un responsabile dell’azienda, che in un AMA ha confermato come l’utilizzo dei cavi della precedente generazione non comporti alcuna rinuncia. Per cui se pensate che in futuro possa farvi comodo un cavo in più, risparmiate 5 euro e acquistate uno di questi prima che i nuovi siano disponibili e, probabilmente, li mandino in pensione.