Le ROM LineageOS 15.1 e Resurrection Remix non ufficiali arrivano su OnePlus 6

Le ROM LineageOS 15.1 e Resurrection Remix non ufficiali arrivano su OnePlus 6
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/05\/OnePlus_6_tta_21.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/05\/OnePlus_6_tta_21-460x345.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/05\/OnePlus_6_tta_21-533x400.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/05\/OnePlus_6_tta_21.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/05\/OnePlus_6_tta_21.jpg"}, "title": "Le ROM LineageOS 15.1 e Resurrection Remix non ufficiali arrivano su OnePlus 6" }

OnePlus 6 è stato presentato già da diverse settimane e, nonostante ci sia l’intenzione da parte di molti sviluppatori di portare le proprie ROM su di esso, il lavoro da fare risulta essere decisamente arduo. Infatti, ultimamente questi stanno trovando diverse difficoltà per portare i propri firmware basati su AOSP su questo dispositivo soprattutto a causa del supporto ai “Seamless Updates” di cui ve ne abbiamo parlato nel nostro articolo dedicato.

Per spezzare questa fase di stallo, uno sviluppatore in contatto con XDA-Developers chiamato phhusson ha deciso di sfruttare la presenza di Project Treble così da installare sullo smartphone l’immagine generica della AOSP. Grazie a questa intuizione, è riuscito a rilasciare due build non ufficiali per OnePlus 6: la LineageOS 15.1 e la Resurrection Remix.

Purtroppo, come ci si aspettava, queste due sono ancora troppo acerbe. Seppur permettono allo smartphone di accendersi e funzionare, sono presenti diverse problematica che le affiggono. Fra le più importanti, sembrerebbero non funzionare né il VoLTE né la modalità notte. Inoltre, la presenza del notch non è gestita molto bene nella Lineage, come si può vedere nella foto sottostante:

Problemi sono stati riscontrati anche nella procedura di installazione di queste ROM. Fortunatamente, Exelios, Senior Member di XDA, è riuscito subito a trovare una soluzione, pubblicando una procedura risolutiva che potete trovare nell’articolo dedicato sul loro sito assieme al link per il download di esse.

Ci teniamo a precisarvi che si tratta ancora di una versione sperimentale del sistema, quindi potrebbe causare gravi problemi ai vostri smartphone rendendoli totalmente inutilizzabili. Pensateci bene prima di procedere col loro download e installazione.

Fonte: Xda-developers