WhatsApp sta testando un nuovo sistema per ordinare gli Stati

WhatsApp sta testando un nuovo sistema per ordinare gli Stati
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/02\/Whatsapp_stato_tta-460x259.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/02\/Whatsapp_stato_tta-635x357.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/02\/Whatsapp_stato_tta.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/02\/Whatsapp_stato_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/02\/Whatsapp_stato_tta.jpg"}, "title": "WhatsApp sta testando un nuovo sistema per ordinare gli Stati" }

Sono passati oramai due anni da quando WhatsApp, la nota applicazione di messaggistica istantanea, ha introdotto gli Stati, cercando di seguire l’onda di Snapchat; ad oggi gli Stati su WhatsApp permettono agli utenti di condividere immagini e scritte con i propri contatti, e sono ordinati cronologicamente: questo potrebbe presto cambiare.

Infatti, WhatsApp starebbe testando un nuovo algoritmo in grado di ordinare gli Stati secondo le preferenze dell’utente, e non solo cronologicamente; con il sistema attuale, se una persona ha molti contatti che utilizzano questa funzione, si ritrova un’infinita lista di Stati con in cima sempre l’ultimo pubblicato, che potrebbe però essere quello meno interessante.

L’algoritmo dovrebbe basarsi sia su quelli che sono gli Stati con cui l’utente interagisce maggiormente, sia individuando i contatti con cui si hanno contatti più frequenti, e di cui probabilmente si sarebbe interessati a vedere lo Stato. Tutte le informazioni raccolte da WhatsApp per questi risultati sarebbero conservate direttamente nello smartphone dell’utente e fuori dai server dell’azienda, almeno secondo quanto riportato da Mashable, in modo da garantire il rispetto assoluto della privacy.

Questa novità sarebbe al momento in fase di test sulla versione per iPhone, limitata a pochi utenti in Brasile, Spagna e India, con in previsione di fare il suo arrivo globalmente e anche sulla versione per Android.

Fonte: Xda-developers
Condividimi!