Synaptics, azienda specializzata nella produzione di lettori di impronte digitali, ha presentato oggi il nuovo Natural ID FS9100, un lettore ottico di impronte digitali che sembrerebbe rappresentare esattamente la tipologia di sensore che dovrebbe essere integrato nel prossimo Samsung Galaxy S8.

Secondo alcuni recenti rumor infatti il nuovo flagship del produttore sud coreano dovrebbe integrare un lettore di impronte nascosto sotto al vetro frontale e la nuova soluzione di Synaptics, che tra l’altro non ha problemi nel riconoscere le impronte anche con le mani bagnate, può essere alloggiata al di sotto di un vetro spesso un millimetro senza avere alcun problema di riconoscimento.

La possibilitĂ  di “nasconderlo” al di sotto di un vetro lo rende resistente all’usura, ai graffi e all’acqua, visto che sarĂ  compito del dispositivo che lo utilizza proteggerlo adeguatamente. In particolare i modelli precedenti, integrati nel tasto Home, soffrivano parecchio in presenza di graffi e rigature, perdendo gran parte della capacitĂ  di riconoscere correttamente le impronte.
I consumi del nuovo sensore sono esigui e le dimensioni permettono di alloggiarlo in pochissimo spazio, contribuendo a ridurre lo spessore complessivo del dispositivo, oltre che del vetro frontale. Synaptics non ha però parlato apertamente di Samsung Galaxy S8 e qualche dubbio sulla presenza di Natural ID FS9100 sorge dal fatto che la produzione di massa del nuovo sensore inizierà solamente nel secondo trimestre del 2017, forse troppo tardi per essere incluso nel nuovo top di gamma.

Secondo quanto riportano alcuni recenti rumor, Samsung starebbe lavorando a un proprio lettore di impronte digitali che potrebbe essere utilizzato per sopperire all’iniziale carenza di sensori Synaptics, ma in assenza di conferme ufficiali siamo solamente nel campo delle ipotesi.