Samsung vs Apple: anche il Galaxy Tab 10.1 rimane bandito

Samsung vs Apple: anche il Galaxy Tab 10.1 rimane bandito
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2012\/07\/samsung_apple.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2012\/07\/samsung_apple-300x149.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2012\/07\/samsung_apple.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2012\/07\/samsung_apple.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2012\/07\/samsung_apple.jpg"}, "title": "Samsung vs Apple: anche il Galaxy Tab 10.1 rimane bandito" }

Pare che Apple stia vincendo alla grande contro Samsung. Dopo aver richiesto ed ottenuto il bando del Galaxy Nexus, ha chiesto e ottenuto il bando del Galaxy Tab 10.1. Nonostante l’appello di Samsung a riguardo, il giudice ha deciso che il bando deve rimanere operativo. Lucy Koh, giudice distrettuale del Distretto Settentrionale della California, ha dato il via libera alla richiesta di Apple di sospendere le vendite del tablet Android in quanto diretto concorrente di iPad. Samsung ha chiesto di sospendere la sentenza in attesa della risoluzione dell’appello, ma la corte ha preferito non procedere.

Apple ha dovuto versare una cauzione da 2.6 milioni di dollari per poter mettere in pratica la misura cautelare, poichè in caso di verdetto errato da parte del giudice Samsung potrebbe avere indietro una parte dei soldi persi con le mancate vendite. Samsung nel frattempo si è rivolta al Circuito Federale e, nello specifico, ad una corte di Washington D.C. che è specializzata nelle questioni di proprietà intellettuale.

Ciò significa che il bando rimarrà in atto fino a che non ci sarà una decisione da parte della corte del Circuito Federale che deciderà se il bando è stato comminato per una giusta motivazione – e quindi rimarrà – o se il giudice Koh si è sbagliata e il bando dovrà essere tolto.

Il fatto che Apple provi da più di un anno a far bandire i prodotti Samsung negli USA fa presagire una battaglia ancora lunga. Quando queste compagnie capiranno che devono essere i consumatori a decidere con i loro acquisti e non i giudici in aule di tribunale?