Facebook condivide i dati degli utenti WhatsApp e Instagram per combattere il terrorismo

Il team di Facebook ha deciso di dichiarare guerra al terrorismo e, attraverso un post sul proprio blog, ha reso noto che sta condividendo i dati degli utenti Instagram e WhatsApp.

In particolare tra gli obiettivi di Facebook vi sarebbe la collaborazione tra piattaforme, così da poter analizzare con una visione d’insieme i dati degli utenti di questi due popolari servizi.

Monika Bickert e Brian Fishman hanno spiegato che il social network ha iniziato a lavorare su sistemi per contrastare l’azione di eventuali terroristi che tentino di sfruttare le varie app di Facebook per i loro scopi.

Considerato l’esiguo quantitativo di dati raccolti dalle varie app di Facebook, infatti, la condivisione tra esse diventa fondamentale per rendere l’ecosistema più sicuro.

Resta da capire quali saranno le reali conseguenze della nuova politica di Facebook e se il sistema di crittografia di WhatsApp verrà “indebolito” per rendere questa applicazione meno “attraente” per i terroristi.

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Lorydavoj

    Eccoli tutti i bambini che si lamentano per la loro privacy

    • andrea

      a parte che la privacy non esiste…è solo fumo negli occhi degli sciocchi…
      ma che senso ha condividere i dati di presunti terroristi confermando loro che ciò avverrà?

      ci sono tanti altri sistemi di comunicazione, incontrollabili

  • Davide

    Addio alla privacy e largo alle pubblicità mirate ai nostri interessi…!!!

    • giacomofurlan

      Se pubblicità devono essere, quanto meno che siano interessanti.

      Non vedo tutti questi problemi. A parte le pubblicità stesse.

      Se ti preme tanto la privacy per questa ragione, il parlamento europeo dovrebbe invece legiferare a proposito della possibilità di negare il consenso di raccolta dati (non quella vaccata di Cookie law dove non obbliga i siti a NON tracciare, ma solo di avvisare e chiedere il consenso)

  • Ma sul serio ci credono così stupidi? Io mi offenderei, anzi mi offendo… Sembra di essere in un film degli Avengers “è per la vostra sicurezza, il mondo è un posto pericoloso” o Star Wars “riporteremo ordine e pace nella galassia”… Ma chi si credono di essere?

  • Michele

    Si certo…come no

  • giuseppe

    Con la scusa del terrorismo annullano la nostra privacy. Ottimo.

Top