Facebook aumenta il numero dei partecipanti nei Gruppi e lancia le foto 3D nel news feed

Facebook aumenta il numero dei partecipanti nei Gruppi e lancia le foto 3D nel news feed
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2020\/07\/facebook_app_tta_2-460x345.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2020\/07\/facebook_app_tta_2-635x476.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2020\/07\/facebook_app_tta_2.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2020\/07\/facebook_app_tta_2.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2020\/07\/facebook_app_tta_2.jpg"}, "title": "Facebook aumenta il numero dei partecipanti nei Gruppi e lancia le foto 3D nel news feed" }

Inizia oggi il rollout di una nuova funzione di Facebook Gruppi che permette la creazione di nuove chat di gruppo dedicate ai sotto argomenti, alle quali potranno prendere parte un massimo di 250 utenti. E’ inoltre possibile effettuare chiamate, audio o video, che coinvolgono fino a 50 partecipanti.

In questo modo è possibile differenziare le discussioni, avere partecipanti interessati solo a determinati argomenti o interessati a scambiarsi opinioni ed esperienze in merito ad alcune tematiche. Facebook spera così di creare un maggior numero di discussioni, anche in tempo reale e di aumentare l’interesse per la piattaforma.

Una volta entrati in una chat non si riceve una notifica per ogni nuovo messaggio aggiunto in ognuno dei thread sottoscritti, ma si può decidere di ricevere notifiche solo quando si è menzionati, evitando le notifiche sulle reaction sui giochi di Messenger.

Con la nuova funzione dei Gruppi il social network prova a fornire un luogo di ritrovo per tutti quegli interessi di nicchia che difficilmente trovano posto nel flusso di notizie, sempre più orientati verso contenuti generalisti.

Inoltre, sempre da oggi, Facebook ha introdotto la visualizzazione delle foto 3D nel news feed. Nelle prossime settimane arriverà la possibilità di crearne e caricarle, ovviamente tramite uno smartphone dotato di almeno due fotocamere.

Fonti: Techcrunch, Theverge
Condividimi!