Gli smartphone sono ormai diventati una parte integrante e fondamentale delle nostre vite e spesso contengono documenti molto importanti, per il lavoro o per la vita privata. Può capitare di cancellare, inavvertitamente o per errore documenti, immagini o contatti importanti e gli strumenti base di Android non permettono il recupero di questi dati.

In soccorso degli utenti Android arriva EaseUS MobiSaver, un’applicazione disponibile gratuitamente sul Play Store che promette di salvarci in più di una situazione. Nel dettaglio l’applicazione permette di recuperare foto, video, contatti e messaggi di WhatsApp, con un’interfaccia molto semplice e intuitiva.

Una volta installata l’applicazione, che può essere installata utilizzando il badge che trovate a fine articolo, è necessario concedere i permessi di root, indispensabili per un accesso completo alla memoria interna. L’applicazione può funzionare anche senza permessi di root, ma le probabilità di riuscire a recuperare qualcosa sono molto limitate, a causa dell’architettura di Android.

Se avete sbloccato i permessi di root vi basterà concederli all’applicazione per proseguire, e selezionare la tipologia di dati da cercare. Una volta avviata la scansione, che può durare anche un paio d’ore e che varia in funzione delle dimensioni della memoria interna, potrete vedere in tempo reale i file trovati, per capire immediatamente se i file che state cercando sono ancora recuperabili.

Potete interrompere il processo di scansione di EaseUS MobiSaver in qualsiasi momento, ma tenete presente che non è possibile salvare la ricerca effettuata, per cui una nuova ricerca porterà a una scansione completa del disco. Per recuperare un file cancellato dovrete semplicemente selezionarlo dalla galleria di anteprima e premere la scritta “Recupera nella barra in alto.

Il file verrà ripristinato e potrete aprirlo immediatamente per verificarne la qualità. Ovviamente non esiste una garanzia assoluta che i dati recuperati siano perfettamente leggibili, soprattutto nel caso delle fotografie. Una miniatura perfetta potrebbe corrispondere a una immagine parzialmente danneggiata, ma questo non dipende dall’applicazione.

La memoria interna dello smartphone potrebbe infatti essere stata parzialmente sovrascritta da altri dati o altre applicazioni, rendendone impossibile il recupero. Per questo è indispensabile tentare il recupero dei dati immediatamente dopo la loro cancellazione, aumentando in maniera significativa le probabilità di riuscita da parte del software di EaseUS.

La procedura di scansione e recupero è la medesima per immagini/video, contatti e messaggi WhatsApp e non presenta particolari difficoltà. Da segnalare una traduzione non proprio curata, per cui molti utenti rischiano di arenarsi di fronte a un messaggio dl tipo “Radicare il tuo dispositivo per trovare più file persi”.

Va detto che nella schermata iniziale EaseUS MobiSaver spiega che cos’è il root, senza ovviamente scendere nel dettaglio per ogni singolo smartphone, visto che la procedura e i file necessari a ottenere i permessi non sono gli stessi su ogni dispositivo.

Sottolineiamo che nella maggior parte dei casi per ottenere i permessi di root è necessario sbloccare il bootloader, operazione che di norma cancella completamente la memoria interna dello smartphone. Per questo se avete cancellato dei dati e non avete preventivamente sbloccato i permessi di root, le probabilità di recuperare i dati persi calano drasticamente, anche ricorrendo ad altre soluzioni.

Segnaliamo infine che EaseUS MobiSaver può recuperare immagini di tipo JPG/JPEG, PNG, GIF, BMP, TIF/TIFF e video MP4, 3GP, AVI e MOV. Nel caso non riusciste a recuperare i dati, o aveste la necessità di recuperare altre tipologie di dati, potete rivolgervi all’applicazione per PC Windows EaseUS MobiSaver for Android Free 5.0, in grado di recuperare anche SMS, file audio e documenti.

A seguire il badge per scaricare gratuitamente EaseUS MobiSaver dal Play Store di Google.

Android app sul Google Play

Informazione Pubblicitaria