Questo sito contribuisce alla audience di

In molti vorrebbero cancellarsi da Facebook, che intanto deve affrontare nuove grane

Facebook è ancora nell’occhio del ciclone per lo scandalo Cambridge Analytica e non solo: mentre le richieste riguardanti la cancellazione da Facebook da parte degli utenti stanno subendo un boom in queste settimane, Mark Zuckerberg deve affrontare anche alcuni problemi di privacy legati a un algoritmo per il riconoscimento facciale.

Dopo lo scandalo Cambridge Analytica, al quale abbiamo dedicato un video approfondimento, molti utenti sembrano essere interessati a cancellarsi dal popolare social network. La piattaforma di web marketing SEMrush ha compiuto alcune analisi delle ricerche e ha potuto constatare che, solamente in Italia:

  • circa 22 mila persone hanno cercato “come eliminare l’account Facebook”;
  • quasi 40 mila persone hanno chiesto a Google “come cancellarsi da Facebook”;
  • la richiesta “cancellare Facebook”, insieme con le richieste relative, è stata fatta più di 68 mila volte.

Durante il mese di marzo queste richieste hanno subito una crescita del 20%: il numero più alto di richieste ha riguardato i primi giorni in seguito allo scandalo, ma nel mese di aprile il trend non sembra placarsi più di tanto; ci sono stati anche aumenti di ricerche come “trattamento dei dati personali”, e “privacy su Internet”, segno che le persone si stanno preoccupando sempre di più di questi aspetti.

Situazione simile, secondo i dati, anche in altri Paesi europei e negli USA: l’anno scorso il volume di ricerca più elevato è stato raggiunto a giugno e luglio (circa 150.000 ricerche), ma entro la fine di marzo 2018 è cresciuto di oltre il 100%, fino a 350.000.

L’ultima cosa che Mark Zuckerberg vorrebbe in questo momento sono altri problemi, ma sembra che il suo desiderio sia destinato a rimanere tale: pare che il social possa aver utilizzato in modo illegale alcuni algoritmi di riconoscimento facciale per il suggerimento dei tag da inserire con l’upload delle foto. Secondo i querelanti statunitensi, il permesso di usare tale algoritmo non è stato richiesto con la sua introduzione nel 2011 e il suo utilizzo è dunque da ritenere illegale.

Facebook potrebbe dunque dover affrontare una nuova class action, anche se in questo caso non sembra essere preoccupata più di tanto; un portavoce ha infatti dichiarato che il caso non sussiste e che la compagnia si difenderà “vigorosamente“.

Avete pensato anche voi di cancellare il vostro account di Facebook in seguito al recente scandalo? Fateci sapere la vostra nel solito box qui in basso.

Fonte: Androidpolice

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • MaK

    penso siano quasi due anni che mi sono cancellato, penso si stia meglio senza, provate per due mesi a stare senza e poi decidete!

  • Lace

    Io per esempio sono uno di quelli utenti che da sempre è contrario a Facebook, ma che, per farsi 2 risate, consultare qualche notizia, e non perdere quei pochi amici cari che tengo, continuo ad usarlo con consapevolezza e tentando di mantenere una minima privacy.
    Da moltissimi anni sono conscio che le nostre informazioni perdonali sono il prezzo che dobbiamo pagare , anzi fornire, per avere un servizio e quindi ho sempre cercato di inserire le minori informazioni personali possibili, e ho sempre cercato di non aggiungere conoscenti o gente a caso consapevole di voler interagire solo con quei pochissimi amici, metto meno like possibili… Insomma anche se la privacy è un’utopia cerco di rendergli difficile la vita !
    Facebook ultimamente, poco prima che uscisse lo scandalo, però ha alzato il tiro e per costringerti ad interagire di piú con i tuoi amici ha modificato l’algoritmo che regola la visualizzazione dei post sulla pagina principale.
    Facebook dice di averlo fatto sia per evitar le Fake news sia per far si che l’utente usi Facebook per il motivo per cui è stato creato: socializzare e conoscere persone.
    Il mio sospetto è che FB abbia cambiato l’algoritmo apposta per costringerti a scrivere post (e quindi a fornire informazioni su te).
    Il mio uso di FB consiste principalmente nel leggermi qualche cavolata e di condividerla affinchè i miei pochi amici possano farsi 2 risate, faccio pochi post personali ed interagisco in pochissimi gruppi ed è logico che le mere condivisioni di post siano poco produttive per Facebook.
    E cosí anche io sto pensando di cancellarmi da Facebook, un po per la poca privacy di cui sono già conscio, un po per lo scandalo, ma soprattutto per l’algoritmo nuovo: ora se non aggiungo amici Facebook mi impedisce di vedere sulla pagina principale tutte la pagine, gruppi che seguo…o meglio devi farlo tu manualmente andando su ogni pagina e quindi direi che se contonuano cosí , direi che Facebook non si merita i miei dati, perchè non vuole fornirmi un servizioq a meno che non mi adegui alle loro volo ntà (socializzare, scrivere post personali…insomma tutte attività che forniscono informazioni chiare su te)

  • Tiwi

    zuck può sta tranquillo, il 90% degli utilizzatori di fb ancora non hanno capito cosa sia successo e quanto sia grave
    le migliaia di ricerche, non sono poche, ma fb ha oltre 1mld di utilizzatori

  • Frank

    Godo godo come un riccio. Mai stato su Facebook. MAI. Sono su altre piattaforme come Instagram, Tumblr, Pininterest etc. Non che siano meglio ma almeno non ti chiedono caxxi e controcaxxi della tua vita con la scusa di volerti connettere ai tuoi amichetti delle medie…

    • Pixless

      Il 33% delle piattaforme che hai nominato è proprietà di Facebook e non ti chiedono caxxi e controcaxxi della tua vita per il semplice fatto che non ne hanno bisogno. Glieli fornisci tu quotidianamente con i tuoi like e following, postando foto dove al suo interno nei meta dati sono presenti luogo, ora e device utilizzato per effettuarle. Magari se tagghi qualche tuo amico sanno anche con chi sei.

      Il vero problema non è Facebook o almeno non è solo Facebook, è il fatto che non esiste una vera regolamentazione a livello globale che definisca chiaramente cosa i grandi player come Facebook e Google possono fare con le tue informazioni.

  • Acida Lisergica 🍄

    Io da tempo ormai che ho abbandonato sto social disturbante, invadente, ingerente. Che sola!

  • Mauro

    A me basterebbe levarmi definitivamente dai piedi i cosiddetti “Post suggeriti”. Ci sarei riuscito con un’estensione per Chrome su PC che ripulisce tutto e ti permette, di riflesso, di non visualizzarli sullo smartphone. Il problema e che basta utilizzare qualche minuto Facebook Lite (non ci penso nemmeno ad installare Messenger per leggere i messaggi privati, come vorrebbe il sionista Zuckerberg) che automaticamente da Chrome su smartphone ti ritrovi la timeline nuovamente impestata di pubblicità.

  • ZioGrimmy

    68.000 uTONTI. L’italia infatti è sull’orlo del baratro sotto una marea di punti di vista, questi 68.000 hanno contribuito felicemente e continueranno a farlo.

    • ILCONDOTTIERO

      Ma non è vero niente , non sono solo 68.000 aggiungici due zeri . Saranno minimo 6,8 milioni di utenti in italia .
      Però non è carino chiamarli utonti , perchè è offensivo e non condivido. Sará uno libero di fare ciò che vuole ?
      Il mondo del web è così non si è scoperto acqua calda , domani cambi convinto di aver scelto il meglio e ti ritrovi un bel giorno allo stesso punto di partenza .

      • Maurizio

        Quoto, io per esempio FB lo uso per tenermi aggiornato su alcuni argomenti (es. la pagina dove faccio arti marziali) non condivido informazioni personali e tanto meno do l’amicizia a chiunque. Sfrutto il servizio, pur sapendo che tutto è tracciato e venduto. Ma se si pensa che sia solo FB a fare ciò ….. diciamo che loro sono stati scoperti :)

  • Davide Levaponti

    “ci sono stati anche aumenti di ricerche come “trattamento dei dati
    personali”, e “privacy su Internet”, segno che le persone si stanno
    preoccupando sempre di più di questi aspetti.”
    Secondo me, gli utonti hanno iniziato a cercare di capire di che cosa si parla realmente

  • Dario

    Io mi cancellai da Facebook circa 6 anni fa…ma come faccio a cancellare veramente il mio account? Perché teoricamente dovrebbero avere ancora tutto salvato fino al momento in cui mi sono cancellato…io vorrei eliminare tutto definitivamente…si può?

  • ILCONDOTTIERO

    Non ci penso nemmeno lontanamente di cancellarmi da facebook .

    • Nigel

      per carità!!! sia mai…

      • ILCONDOTTIERO

        XD. In realtá non sono nemmeno registrato e non lo uso :)
        Credo adesso si faccia a gara a colpire facebook come uno sport , poi magari scopri un bel giorno che gli stessi che hanno fatto questa crociata , vuoi anche per speculazione etc. azioni bancarie etc. Interessi …lo usano quotidianamente più di altri ;) .

Top