Nuovo assistente vocale e OS in licenza per produttori di speaker smart: ecco il futuro di Roku

Nuovo assistente vocale e OS in licenza per produttori di speaker smart: ecco il futuro di Roku
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/09\/nexus2cee_roku-express-1.png","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/09\/nexus2cee_roku-express-1-460x259.png","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/09\/nexus2cee_roku-express-1-635x358.png","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/09\/nexus2cee_roku-express-1.png","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/09\/nexus2cee_roku-express-1.png"}, "title": "Nuovo assistente vocale e OS in licenza per produttori di speaker smart: ecco il futuro di Roku" }

Roku, noto nome nel campo dei prodotti dedicati al multimediale, ha annunciato oggi alcune novità sui propri piani per il futuro: arriva l’espansione del suo programma di licenza del proprio sistema operativo per includere i produttori di speaker smart e addirittura un nuovo assistente vocale (Roku Entertainment Assistant).

Roku definirà alcune linee guida per speaker e soundbar, sperando che i produttori inizino a realizzare dispositivi in grado di collegarsi a Roku TV e permettere il comando vocale di Roku TV; non solo, perché l’azienda rilascerà un software chiamato Roku Connect, il quale – se vengono rispettati alcuni requisiti hardware – permetterà ai produttori di realizzare dispositivi in grado di rientrare nel sistema Roku TV e connettersi con gli altri prodotti.

Il nuovo assistente vocale vedrà invece la luce nell’autunno del 2018, e dovrebbe arrivare come aggiornamento gratuito per gli esistenti dispositivi Roku TV e media player; questo nuovo assistente vocale non si limiterà come ora a permettere l’utilizzo di comandi vocali, ma tramite l’elaborazione del linguaggio naturale l’assistente potrà riconoscere le richieste e, ad esempio, riprodurre contenuti su dispositivi differenti interconnessi (come ad esempio far partire un video sulla TV anche se questa era inizialmente spenta). L’assistente sarà però realizzato con il focus dell’intrattenimento, differenziandosi quindi dagli assistenti che ben conosciamo: scordatevi ad esempio ricerche sul web et similia.

Puntare sul diffondere il proprio OS in licenza ad altri produttori è, secondo l’azienda, il metodo più veloce per acquisire account attivi, più di vendere direttamente dispositivi per la riproduzione di contenuti.

Fonte: Theverge