Iliad punterà sulla telefonia fissa anche in Italia e non teme la concorrenza

iliad logo

Nella giornata di oggi, 17 novembre 2020, Iliad, attraverso le parole del CEO del Gruppo Thomas Reynaud e dell’AD italiano Benedetto Levi, ha confermato la ferma volontà di farsi largo anche nel mercato italiano della telefonia fissa, esibendo una tranquillità massima verso le offerte operator attack messe in campo dalla concorrenza.

Iliad e l’importanza della telefonia fissa

Dei risultati finanziari del Q3 2020 dell’Iliad Group, con particolare riferimento alla crescita in Italia, abbiamo già parlato in questo articolo dedicato.

Nella conference call di presentazione degli stessi, ha preso la parola il CEO del Gruppo Thomas Reynaud, il quale ha posto l’accento su come la crescita del 1,9% su base annua nella telefonia fissa abbia fatto da traino ai ricavi in Francia (1,252 miliardi di euro).

Soltanto nell’ultimo trimestre, in Francia, l’Iliad Group è stato scelto da circa 300.000 nuovi clienti di rete fissa, con una contestuale crescita del numero di utenti con un contratto in Fibra FTTH.

Il prossimo passo di questo processo di crescita consisterà nell’approdo nel mercato della telefonia fissa anche in Italia: forte della partnership con Open Fiber, Iliad spera di riuscire nell’intento già entro il primo semestre del 2021.

A questo proposito, nella sezione Q&A, l’AD italiano Benedetto Levi si è detto convinto che il doppio impegno farà crescere anche la user base mobile. Le parole chiave saranno ancora una volta semplificazione – Iliad partirà dal know-how raggiunto in Francia con le Freebox per offrire installazioni semplici anche da noi – e trasparenza, che a detta di Benedetto Levi nella telefonia fissa è ancora più carente che nel mobile.

Sul primo punto, comunque, i dirigenti non si sono sbottonati, non fornendo dettagli sul sistema di installazione che verrà proposto per i modem Iliad in Italia.

Nessun timore per la concorrenza

I due dirigenti hanno voluto invece fornire un commento sulle numerose offerte operator attack lanciate dagli operatori italiani per provare a contrastare l’avanzata di Iliad.

Il CEO Thomas Reynaud è stato perentorio, definendole un totale fallimento e ponendo l’accento sull’obiettivo di Iliad rappresentato dal superamento di quota 7 milioni di clienti entro la fine dell’anno.

L’Amministratore Delegato di Iliad Italia Benedetto Levi ha condiviso il giudizio di fondo ed è sceso maggiormente nei dettagli, sottolineando come la dinamica scelta dai concorrenti non stia stata efficace nel rallentare Iliad ma abbia invece prodotto l’effetto collaterale di distruggere valore. Al netto degli attacchi, infatti, Iliad Italia ha accresciuto la propria user base di 500.000 clienti su base trimestrale, arrivando a rappresentare oltre il 12% dei ricavi dell’intero Gruppo.

5G in Francia e altre attività

La conference call ha toccato ovviamente anche altri punti delle attività del Gruppo Iliad, a partire dal closing dell’OPA per l’acquisizione di Iliad Play è fissato proprio per oggi, confermata ma non commentata per ovvi motivi.

Non poteva naturalmente mancare un accenno al 5G: nelle prossime settimane ci sarà finalmente il lancio in Francia; per il percorso di crescita di questa tecnologia potrebbero risultare cruciali eventuali accordi di rete con altri operatori, che porterebbero benefici non solo sul piano dei costi, ma anche su quello della rapidità di espansione della copertura e, non ultimo, della sostenibilità ambientale.

In attesa di scoprire che cosa riserva il futuro, trovate qui sotto la nostra pagina dedicata alle offerte di Iliad:

OFFERTE ILIAD: INTERNET, CHIAMATE E SMS | NOVEMBRE 2020 | TUTTOANDROID

Siete già clienti Iliad? Raccontateci le vostre esperienze, positive o negative che siano, nel box dei commenti qui sotto.

Potrebbe interessarti anche: migliori offerte telefoniche

Fonti: Mondomobileweb.it
Condividi: