LineageOS sta per abbracciare Android 9 Pie e saluta Nougat

LineageOS sta per abbracciare Android 9 Pie e saluta Nougat
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/LineageOS_5_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/LineageOS_5_tta-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/LineageOS_5_tta-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/LineageOS_5_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/LineageOS_5_tta.jpg"}, "title": "LineageOS sta per abbracciare Android 9 Pie e saluta Nougat" }

Ci sono novità importanti in arrivo in casa LineageOS: da una parte si avvicina la nuova versione 16 basata su Android 9 Pie e dall’altra giunge al termine il supporto di numerosi device rimasti fermi ad Android Nougat.

La LineageOS è una delle custom ROM più popolari in circolazione in questo momento ed è apprezzata da tantissimi appassionati di modding, tanto che verso la fine dello scorso anno aveva festeggiato il suo secondo anno di attività ed aveva quasi raggiunto due milioni di installazioni.

In genere il progetto impiega un po’ di tempo prima di aggiornarsi alle nuove versioni del sistema operativo Android, dal momento che la fase di sviluppo viene in larga parte curata dagli stessi maintainers nel proprio tempo libero. In questo senso, il passaggio ad Android 9 Pie non ha fatto eccezione, ma dopo sei mesi dal lancio ufficiale dell’ultima release del robottino verde pare che LineageOS sia finalmente pronta a compiere questo importante balzo in avanti.

Se la notizia più interessante ed entusiasmante per gli appassionati è sicuramente questa, va anche detto che ce n’è anche una meno positiva per tanti altri utenti: il supporto di tanti device ormai piuttosto vecchi è giunto infatti al capolinea.

Nelle prime ore di questa mattina un nuovo commit dal titolo “Prepare for 16.0” (in riferimento alla LineageOS 16 che sarà basata su Android 9 Pie) è stato avvistato nel build server code del progetto. I nuovi aggiornamenti per i dispositivi con a bordo LineageOS 15.1 (Android Oreo) verranno ora rilasciati con cadenza settimanale, non più quotidiana, non ci saranno invece nuove build per i device rimasti fermi alla versione 14.1 (Nougat).

La lista dei dispositivi che non riceveranno nuove build della LineageOS è decisamente molto lunga, la trovate qui di seguito:

  • Samsung Galaxy A5 (2017) (a5y17lte)
  • Samsung Galaxy A7 (2017) (a7y17lte)
  • Motorola Moto Z Play (addison)
  • Xiaomi Mi 3 / Mi 4 (cancro)
  • Samsung Galaxy Tab S 10.5 LTE (chagalllte)
  • Samsung Galaxy Tab S 10.5 Wi-Fi (chagallwifi)
  • BQ Aquaris U (chaozu)
  • Motorola Moto G (falcon)
  • Google Nexus 7 (Wi-Fi, 2013 version) (flo)
  • Google Nexus 9 (Wi-Fi) (flounder)
  • Google Nexus 9 (LTE) (flounder_lte)
  • LG G2 Mini (g2m)
  • BQ Aquaris X5 Plus (gohan)
  • LG G5 (T-Mobile) (h830)
  • LG G5 (International) (h850)
  • LG G6 (EU Unlocked) (h870)
  • LG V20 (AT&T) (h910)
  • LG V20 (T-Mobile) (h918)
  • Google Nexus 5 (hammerhead)
  • Motorola Moto G4 Play (harpia)
  • Samsung Galaxy S7 Edge (hero2lte)
  • Samsung Galaxy S7 (herolte)
  • Samsung Galaxy Note 3 LTE (N9005/P) (hlte)
  • Samsung Galaxy Note 3 LTE (N900T/V/W8) (hltetmo)
  • Samsung Galaxy S III (International) (i9300)
  • Xiaomi Redmi 3/Prime (ido)
  • Sony Xperia Z3+ (ivy)
  • LG G3 S (jag3gds)
  • LG G3 Beat (jagnm)
  • ZTE AT&T Trek 2 HD (jasmine)
  • Samsung Galaxy S4 (Verizon) (jfltevzw)
  • Samsung Galaxy S4 (GT-I9505/G, SGH-M919) (jfltexx)
  • Sony Xperia Z4 Tablet LTE (karin)
  • Sony Xperia Z4 Tablet WiFi (karin_windy)
  • Lenovo Vibe Z2 Pro (kingdom)
  • Samsung Galaxy Tab S 8.4 Wi-Fi (klimtwifi)
  • Samsung Galaxy S5 Sport (kltesprsports)
  • Xiaomi Mi 4c (libra)
  • LG V20 (Sprint) (ls997)
  • Samsung Galaxy Tab 3 7.0 LTE (lt02ltespr)
  • Motorola Moto X Play (lux)
  • HTC One (M8) (m8)
  • HTC One (M8) Dual SIM (m8d)
  • Motorola Droid 4 (maserati)
  • Motorola Moto G3 Turbo (merlin)
  • Samsung Galaxy Note 10.1 Wi-Fi (2014) (n1awifi)
  • Samsung Galaxy Tab PRO 10.1 (n2awifi)
  • Nubia Z9 Max (nx512j)
  • Motorola Moto G 2015 (osprey)
  • Asus ZenPad 8.0 (Z380KL) (P024)
  • BQ Aquaris X5 (paella)
  • Motorola Moto G 4G (peregrine)
  • BQ Aquaris M5 (piccolo)
  • Google Android One 2nd Gen (seed)
  • Nvidia Shield Tablet (shieldtablet)
  • Motorola Droid RAZR/RAZR MAXX (CDMA) (spyder)
  • Sony Xperia Z5 (sumire)
  • Motorola Moto E 2015 LTE (surnia)
  • Sony Xperia Z5 Compact (suzuran)
  • Samsung Galaxy Note 2 (LTE) (t0lte)
  • Motorola Droid Bionic (targa)
  • Motorola Moto G 2014 LTE (thea)
  • BQ Aquaris U Plus (tenshi)
  • Motorola Moto G 2014 (titan)
  • ZTE Axon 7 Mini (tulip)
  • Motorola RAZR/RAZR MAXX (GSM) (umts_spyder)
  • LG V20 (US Unlocked) (us996)
  • LG G6 (US Unlocked) (us997)
  • Samsung Galaxy Note Pro 12.2 Wi-Fi (v1awifi)
  • LG G Pad 8.0 (Wi-Fi) (v480)
  • BQ Aquaris E5 4G / Aquaris E5s (vegetalte)
  • Motorola Moto X 2014 (victara)
  • LG V20 (Verizon) (vs995)
  • LG Optimus L70 (w5)
  • LG L90 (w7)
  • Motorola Photon Q 4G LTE (xt897)
  • Samsung Galaxy S6 (zerofltexx)
  • Samsung Galaxy S6 Edge (zeroltexx)

La lista è ricolma di dispositivi molto amati dagli utenti e dalla community stessa negli anni addietro, basti pensare a Nexus 7 2013, al primo Motorola Moto G, senza dimenticare Nexus 5 e Xiaomi Mi 4. Va comunque giustamente sottolineato che tutti questi device hanno avuto una sorta di seconda giovinezza grazie alle custom ROM. Valgano come esempi Motorola Photon Q e Droid 4, che risalgono addirittura al 2012 e che, grazie alla LineageOS, vantano comunque le più recenti patch di sicurezza.

Fonte: Androidpolice
Condividimi!