Trapelata la roadmap dei chipset Intel dedicati ai tablet

Trapelata la roadmap dei chipset Intel dedicati ai tablet
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/11\/Intel-e1448632472241.jpeg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/11\/Intel-e1448632472241-460x259.jpeg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/11\/Intel-e1448632472241-635x357.jpeg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/11\/Intel-e1448632472241.jpeg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/11\/Intel-e1448632472241.jpeg"}, "title": "Trapelata la roadmap dei chipset Intel dedicati ai tablet" }

Dopo un periodo di assestamento, dovuto sia alla saturazione del mercato sia alla crescente offerta di smartphone con display superiori ai 5,5″, sembra che per i tablet stia arrivando una seconda giovinezza, in particolare grazie agli “ibridi” 2 in 1 in grado di eseguire due sistemi operativi, normalmente Windows e Android.

Gli analisti si aspettano vendite intorno ai 160-170 milioni di unità, comprese le unità ibride e proprio con queste ultime Intel spera di riuscire a conquistarsi una fetta importante di mercato. Per non farsi trovare impreparata Intel ha approntato una nuova lineup di processori destinati ad alimentare i nuovi tablet, la cui presunta roadmap è trapelata in rete.

intel-roadmap-2016Il primo chipset della nuova lineup a vedere la luce dovrebbe essere quindi il modello Atom X3 che dovrebbe debuttare nel primo trimestre del 2016. Utilizzerà ancora un processo produttivo a 28nm e sarà destinato ai modelli di fascia bassa, dove l’importante è contenere i costi al massimo per rimanere competitivi.

I modelli Atom X5 e Atom X7, dedicati rispettivamente alla fascia media e ai top di gamma, saranno invece costruiti con processo produttivo a 14 nanometri e dovrebbero raggiungere i mercati nel secondo trimestre del prossimo anno. A fine anno infine dovrebbero debuttare due nuovi chipset, chiamati Core m5 e Core m7 che dovrebbero essere destinati a modelli “di lusso”, e saranno realizzati con processo produttivo a 14 nanometri.

I chipset della serie m e X dovrebbero regnare incontrastati nel segmento dei tablet ibridi, che dovrebbero superare i 30 milioni di unità nel corso del 2016, portando nuova linfa in un segmento del mercato che sembrava inesorabilmente destinato ad un lento declino.

Via