Il 2018 è l’anno di Huawei: l’azienda annuncia la prima batteria al litio-silicio

Il 2018 è l’anno di Huawei: l’azienda annuncia la prima batteria al litio-silicio
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/huawei_logo_ifa18_tta_02-460x345.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/huawei_logo_ifa18_tta_02-635x476.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/huawei_logo_ifa18_tta_02.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/huawei_logo_ifa18_tta_02.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/huawei_logo_ifa18_tta_02.jpg"}, "title": "Il 2018 \u00e8 l’anno di Huawei: l’azienda annuncia la prima batteria al litio-silicio" }

Sta provando in ogni modo Huawei a sovvertire la classifica dei produttori più importanti al mondo. Il 2018 dell’azienda di Shenzhen è partito con l’ammirevole P20 Pro, a meno di sorprese sarà chiuso da Mate 20 Pro da cui ci si attende molto ma nel frattempo è arrivato l’annuncio di una “prima” dal potenziale rivoluzionario.

È stata presentata al Huawei Consumer Business Group la prima batteria al litio-silicio che promette notevoli migliorie in termini di sicurezza e di velocità nella ricarica. Il risultato è stato ottenuto sostituendo gli anodi a base di grafite con degli altri al litio-silicio in modo da accrescere la capacità di ritenzione della batteria e renderla più resistente.

Huawei ritiene che l’innovazione porterà grossi benefici per il pubblico, e la soddisfazione emerge chiaramente dalle prime dichiarazioni: “Esattamente come il multi-touch ha cambiato il modo di interagire con gli schermi, le tecnologie di ricarica ultra rapida di Huawei ridefiniranno il modo in cui la gente usa gli smartphone e li libererà dalla nomofobia (un termine di recente introduzione che identifica la paura di rimanere senza connessione dati, ndr).”

Durante la presentazione non è stato reso noto quanto veloce può essere il processo di ricarica, ma è stato detto che si avvarrà di alte correnti e basse tensioni, contrariamente a ciò che avviene oggi nella gran parte dei casi (fa eccezione, ad esempio, OnePlus, la cui ex Dash Charge lavora a 5 volt e 4 ampere, ndr).

Purtroppo Huawei non ha dato alcuna informazione su quanto tempo servirà per vedere le prime applicazioni pratiche. Vi terremo informati.

Fonte: Gizmochina
Condividimi!