Gli ultimi mesi sono stati piuttosto movimentati per Huawei, le cui infrastrutture di rete sono state bandite in molti Paesi (compresi forse gli Stati Uniti), il suo CFO è stato arrestato in Canada dopo essere stato accusato di crimini finanziari dalle autorità statunitensi, l’FBI ha fatto irruzione nella sua struttura di San Diego e al Mobile World Congress 2019 ha lanciato il suo primo telefono pieghevole.

Il produttore cinese si è ora dichiarato non colpevole delle accuse di furto innanzi ad un tribunale federale statunitense (quello di Seattle).

Offerta

HONOR 200 8/256GB

Coupon: ATUTTOANDROID150 + Sconto permuta, click in pagina (anche se non hai uno smartphone usato)

399€ invece di 599€
-33%

Le accuse mosse nei confronti di Huawei includono la cospirazione per sottrarre segreti commerciali, il tentato furto di segreti commerciali, la frode telematica e il compimento di atti di ostruzione alla giustizia.

L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti ha reso noto che l’accusa di cospirazione comporta una multa potenziale di 5 milioni di dollari, o tre volte il valore del segreto commerciale rubato, a seconda di quale sia maggiore.

La data della prossima udienza è stata fissata per marzo 2020, quindi ci vorrà molto tempo prima che il giudizio venga definito.