Huawei P30 Pro, ecco quasi tutte le presunte caratteristiche tecniche

Huawei P30 Pro, ecco quasi tutte le presunte caratteristiche tecniche
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/huawei_mwc18_tta_02.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/huawei_mwc18_tta_02-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/huawei_mwc18_tta_02-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/huawei_mwc18_tta_02.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/huawei_mwc18_tta_02.jpg"}, "title": "Huawei P30 Pro, ecco quasi tutte le presunte caratteristiche tecniche" }

A poco più di 10 giorni dalla presentazione di Huawei P30 Pro emergono nuovi dettagli sull’attesissimo top di gamma del colosso cinese, che sarà presentato il26 marzo a Parigi. Si tratterà ancora una volta di uno smartphone che punterà moltissimo sul comparto fotografico, da anni fiore all’occhiello di Huawei, che sta mettendo a frutto la preziosa collaborazione con Leica.

A differenza di Huawei Mate 20 Pro, che utilizza uno schermo QHD+, il nuovo Huawei P30 Pro dovrebbe “accontentarsi” di uno schermo FullHD+ (1080 x 2340 pixel) da 6,47 pollici, leggermente più grande dunque del flagship presentato nello scorso autunno.

Il top di gamma avrebbe inoltre uno schermo curvo ai lati e un piccolo notch a goccia, decisamente meno vistoso di quello usato su Huawei P20 Pro, contenente una fotocamera da 32 megapixel con funzioni di riconoscimento del volto, anche se priva di sensore 3D. Il lettore di impronte, seguendo una tendenza ormai acclarata, finirebbe sotto allo schermo, anche se mancano dettagli sulla tecnologia utilizzata, ottica o ultrasonica.

Il comparto fotografico dovrebbe stupire nuovamente grazie a un sensore tele che utilizza un sistema a periscopio, in grado di garantire uno zoom ibrido 10X, con una lunghezza focale equivalente di 135 millimetri (7,8x ottico). La presenza di un sensore ToF (Time OF Flight) dovrebbe garantire l’acquisizione di dati più precisi relativi alla profondità di campo, permettendo inoltre un uso più realistico di applicazioni e giochi in realtà aumentata.

Per il resto è praticamente certa la presenza del Kirin 980, affiancato da 8 GB di RAM e diversi tagli di memoria interna, probabilmente 128, 256 e 512 GB, espandibili con le Nanocard presentate dalla stessa Huawei. Di ottimo livello dovrebbero essere la batteria, si parla di 4.200 mAh, la connettività, con LTE, WiFi dual band, Bluetooth 5 e NFC, con Android 9 Pie preinstallato insieme alla classica EMUI 9.1.

Se Huawei P30 Pro sembra pronto a sfidare i top di gamma presentati nelle ultime settimane, Huawei P30 è pronto a soddisfare chi non cerca prestazioni estreme in ogni campo, dimensioni più contenute e un prezzo leggermente più abbordabile.

Gran parte delle caratteristiche sono condivise con il fratello maggiore, mancano il sensore ToF e la fotocamera con zoom 10X, sostituita da un modello 5X, dovrebbero esserci 6 GB di RAM e, almeno per l’Europa, solo la variante con 128 GB di memoria interna. Lo schermo da 6,1 pollici e una batteria da 3.650 mAh dovrebbero completare la dotazione, sicuramente di ottimo livello, di uno smartphone che potrebbe essere in vendita a meno di 800 euro.

Per tutti i dettagli però dovremo attendere il 26 marzo, quando i due smartphone Huawei saranno presentati ufficialmente.

Via: Winfuture