Huawei presenterà il suo primo smartphone 5G a Londra il 16 maggio, ma gli inglesi potrebbero non usarlo a lungo

Huawei presenterà il suo primo smartphone 5G a Londra il 16 maggio, ma gli inglesi potrebbero non usarlo a lungo
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/05\/Huawei-Mate-20X-5G.png","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/05\/Huawei-Mate-20X-5G-460x345.png","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/05\/Huawei-Mate-20X-5G-635x476.png","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/05\/Huawei-Mate-20X-5G.png","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/05\/Huawei-Mate-20X-5G.png"}, "title": "Huawei presenter\u00e0 il suo primo smartphone 5G a Londra il 16 maggio, ma gli inglesi potrebbero non usarlo a lungo" }

Huawei ha organizzato un evento il prossimo 16 maggio, a Londra, nel quale presenterà il suo primo smartphone 5G. Il colosso cinese non ha anticipato il nome del nuovo smartphone ma tutti gli indizi fanno pensare a Huawei Mate 20 X 5G, del quale si parla con una certa insistenza da qualche settimana.

Huawei ha presentato lo smartphone pieghevole Huawei Mate X al MWC 2019, ma per vederlo sul mercato dovremo attendere ancora qualche mese. La serie P30 sembra al completo e per la serie Mate 30 è decisamente troppo presto, visto che non è attesa prima del prossimo autunno.

Ecco dunque che l’ipotesi Huawei Mate 20 X 5G calza a pennello, con il modem Balong 5000 che dovrebbe rappresentare l’unica differenza rispetto a Huawei Mate 20 X, oltre a una batteria da 4.200 mAh invece dei 5.000 originali.

Peccato che. con ogni probabilità, gli utenti inglesi non potranno utilizzare il nuovo smartphone 5G di Huawei, qualunque esso sia. Secondo Jeremy Wright, Segretario della Cultura inglese, il lancio dei servizi 5G nel Regno Unito potrebbe subire un ritardo.

Ci sono certamente concrete possibilità di ritardo nel processo di lancio del 5G: se volete il 5G rapidamente allora dovete farlo senza nessuna considerazione per la sicurezza. Ma non siamo preparati a questo. Quindi non escludo la possibilità che ci sia qualche ritardo.

Nessuna perplessità dunque per il costo dell’operazione, quanto piuttosto dei dubbi sulla sicurezza delle reti e dei relativi servizi che verranno resi noti in un report che dovrebbe essere pubblicato molto presto.

Condividimi!