Presentazioni Google si arricchisce dei sottotitoli per non udenti

Presentazioni Google si arricchisce dei sottotitoli per non udenti
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_35_tta-460x259.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_35_tta-635x357.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_35_tta.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_35_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_35_tta.jpg"}, "title": "Presentazioni Google si arricchisce dei sottotitoli per non udenti" }

Il team di Google annuncia con un post sul blog un’altra novità dedicata agli utenti con disabilità e studiata per consentire loro di sfruttare le potenzialità della tecnologia per migliorare le proprie attività di tutti i giorni.

Le presentazioni possono essere difficili da seguire per le persone sorde o con problemi di udito e dalla collaborazione tra Laura D’Aquila e Abigail Klein è arrivata una soluzione che potrebbe migliorare la situazione: si tratta della possibilità di aggiungere didascalie automatiche a Presentazioni Google.

La nuova funzionalità verrà gradualmente messa a disposizione a tutti gli utenti a partire da questa settimana.

La funzionalità dei sottotitoli di Presentazioni Google sfrutta il microfono del computer per rilevare che si sta effettuando una presentazione orale e trascrive in tempo reale ciò che viene detto sotto forma di didascalie sulle diapositive che man mano scorrono.

Tale feature supporta al momento un singolo utente che effettua una presentazione in inglese americano su un laptop o un computer desktop usando Google Chrome ma in futuro dovrebbero essere supportate altre lingue.

Le didascalie sono alimentate dall’apprendimento automatico e sono fortemente influenzate dall’accento, dalla modulazione vocale e dall’intonazione dell’oratore.

Fonte: Blog
Condividimi!