Hangouts Chat si arricchisce dell’indicatore di digitazione e vari servizi Google ottengono il supporto a Gallese e Birmano

Hangouts Chat si arricchisce dell’indicatore di digitazione e vari servizi Google ottengono il supporto a Gallese e Birmano
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_6_tta-460x259.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_6_tta-635x357.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_6_tta.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_6_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_6_tta.jpg"}, "title": "Hangouts Chat si arricchisce dell’indicatore di digitazione e vari servizi Google ottengono il supporto a Gallese e Birmano" }

Attraverso un tweet, Scott Johnston di Google ha annunciato l’introduzione di una nuova feature per i messaggi diretti in Hangouts Chat: stiamo parlando dell’indicatore di digitazione.

Questi avvisi sono presenti solo nelle chat singole e non nelle stanze multi-utente tuttavia, dati i molteplici thread che possono esistere in una stanza, si tratta di un’aggiunta che sarà particolarmente apprezzata da tanti e che va a colmare un gap esistente con vari servizi della concorrenza che possono già vantare tale feature (come Slack o la versione classica di Hangouts).

L’indicatore di digitazione utilizza tre punti di colore verde scuro, accanto ai quali si trova il nome o l’indirizzo e-mail della persona che “sta scrivendo”. Questa funzione è già disponibile sia nell’applicazione Web che in quella Android di Hangouts Chat.

E sempre a proposito di prodotti del colosso di Mountain View, il team di Google ha annunciato che Documenti, Fogli, Presentazioni, Sites, Moduli e Drive sul Web ora supportano Birmano e Gallese, lingue che possono contare rispettivamente su 724 mila e 33 milioni di utenti madrelingua.

Il supporto a tali due nuove lingue dovrebbe essere disponibile già da oggi su Drive mentre su Documenti sarà implementato dal 19 febbraio.

Fonti: 9to5google, Androidpolice
Condividimi!