Google introduce nuovi pulsanti nella barra di formattazione di Gmail e propone un test per riconoscere il phishing

Google introduce nuovi pulsanti nella barra di formattazione di Gmail e propone un test per riconoscere il phishing
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_105_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_105_tta-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_105_tta-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_105_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_105_tta.jpg"}, "title": "Google introduce nuovi pulsanti nella barra di formattazione di Gmail e propone un test per riconoscere il phishing" }

Google ha annunciato una serie di nuove funzionalità di Gmail sul Web relative alla finestra di composizione e una nuova opzione di download per i messaggi.

La barra delle opzioni di formattazione mobile si arricchisce con due nuovi pulsanti. All’estrema sinistra, sono presenti quelli per annullare e ripristinare un’azione accidentale invece di utilizzare i comandi da tastiera, mentre a destra troviamo il pulsante per barrare il testo, funzionalità aggiunta in base al feedback degli utenti.

L’altra novità riguarda la possibilità di scaricare un’email come file .EML in formato rfc822 che include i contenuti della posta elettronica e ogni altro allegato, con la possibilità di inviare il file stesso come allegato di posta elettronica. L’opzione è disponibile sul Web nel menu di overflow in alto a destra.

 

La sicurezza nelle email è stata presa in considerazione dall’unità Jigsaw di Google che ha pubblicato un quiz che mette alla prova le capacità degli utenti di identificare le email di phishing.

Il test propone su una serie di email per vedere se riuscite a distinguere i segni rivelatori del phishing “la forma più comune di attacco informatico”, spiega Jigsaw in un post sul blog.

Il quiz è composto da otto email di esempio, alcune legittime e altre che contengono vari tipi di frodi di phishing e spesso basate su eventi realmente accaduti.

Dopo ogni email, Google spiega come distinguere i segnali sospetti, spesso passando sopra gli URL per controllare dove conducono e verificando l’ortografia degli indirizzi email.

Fonti: Techcrunch, 9to5google, Theverge, Googleblog