Google espande le conversazioni continuate e Call Screen ad altri paesi

Google espande le conversazioni continuate e Call Screen ad altri paesi
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/google-home-home-mini_tta-460x259.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/google-home-home-mini_tta-635x357.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/google-home-home-mini_tta.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/google-home-home-mini_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/03\/google-home-home-mini_tta.jpg"}, "title": "Google espande le conversazioni continuate e Call Screen ad altri paesi" }

Le conversazioni continue sono una delle funzioni più interessanti di Google Assistant, e permettono di dialogare con l’assistente digitale senza dover pronunciare la hotword prima di ogni domanda, instaurando quindi una sorta di colloquio.

Finora la funzione era riservata solamente ai possessori di Google Home che utilizzavano l’inglese americano come lingua, ma le cose stanno lentamente cambiando. Ora infatti il supporto è stato estero a tutti gli utenti di lingua inglese e i primi a beneficiarne sono gli abitanti del Regno Unito, che possono quindi interagire in maniera più semplice con Google Assistant.

A breve il supporto dovrebbe essere esteso anche alla lingua tedesca e, con ogni probabilità, nei prossimi mesi vedremo il supporto estendersi a un maggior numero di lingue tra cui anche l’italiano.

Gli utenti canadesi invece possono da oggi provare Pixel Call Screen, l’applicazione annunciata insieme ai Pixel 3 e disponibile anche per i Pixel di prima e seconda generazione che permette di evitare le chiamate fastidiose mostrando una trascrizione di quanto riferito dall’interlocutore.

Gli utenti interessati stanno ricevendo una mail informativa, ma è sempre possibile registrarsi al programma beta, ricordando che è funzionante solo in lingua inglese.

 

Fonti: Androidpolice, Androidpolice
Condividimi!