Dopo aver lanciato l’autunno scorso un canale di assistenza integrato con Google Assistant, TIM fa un altro passo verso l’assistente vocale di Big G, passo che prova l’esistenza di una relazione sempre piĂą stretta quanto inedita al momento.

Alle informazioni che era possibile domandare a Google Assistant con un semplice “Ok Google”, quali questioni inerenti la propria tariffa attiva, il credito residuo e via dicendo, TIM consente ora di ricaricare il credito residuo della propria SIM e pagare le fatture, tutto tramite comandi vocali.

Si procede in pratica così: dopo aver pronunciato “Ok Google, parla con TIM”, l’assistente si collegherà col proprio account MyTIM (la prima volta sarà necessario inserire le credenziali naturalmente). In seguito sarà necessario semplicemente pronunciare “Ok Google, chiedi a TIM il mio credito residuo”, quindi aggiungere “Voglio ricaricare”, operazione che sarà esguibile pagando con PayPal o tramite carta di credito. La medesima procedura vale per chi deve pagare le fatture delle proprie offerte TIM.

Insomma, si tratta di una novitĂ  sicuramente interessante, per quanto possa sembrare, di primo acchito, di discutibile utilitĂ . E se finora il primo passo compiuto lo scorso ottobre mancava della possibilitĂ  di controllare le informazioni sulle offerte telefoniche di linea fissa, sappiate inoltre che d’ora in poi sarĂ  facoltĂ  di chiunque anche conoscerne i dettagli, a voce naturalmente, e col solito “Ok Google, Parla con TIM”seguito da un semplice “Qual è lo stato della mia offerta”.

Vai a: Le migliori offerte telefoniche