Gmail e Google Documenti introducono nuove feature per rendere migliore la vita degli utenti

Gmail e Google Documenti introducono nuove feature per rendere migliore la vita degli utenti
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/12\/gmail_1_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/12\/gmail_1_tta-460x345.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/12\/gmail_1_tta-635x477.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/12\/gmail_1_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/12\/gmail_1_tta.jpg"}, "title": "Gmail e Google Documenti introducono nuove feature per rendere migliore la vita degli utenti" }

Buone notizie per gli utenti Gmail: il team di Google ha infatti deciso di implementare un menu di scelta rapida che può essere attivato facendo clic con il tasto destro del mouse su un messaggio di posta in arrivo.

Attraverso tale menu è possibile visualizzare un lungo elenco di funzioni con opzioni per rispondere ai messaggi e inoltrarli, cercare tutte le email da un mittente o con lo stesso soggetto, aprire più email in più finestre allo stesso tempo, aggiungere etichette ai messaggi, disattivare le conversazioni e utilizzare la funzione Snooze.

Stando a quanto reso noto dal team di Gmail, questa funzione è inizialmente disponibile per gli utenti di G Suite ma presto dovrebbe essere rilasciata anche per tutti gli altri.

E sempre a proposito del colosso di Google, nelle scorse ore ha annunciato il lancio di un’interfaccia di programmazione di Google Documenti che permette agli sviluppatori di automatizzare molte attività comuni (come l’inserimento di testo, la modifica della formattazione o la gestione di liste).

Grazie a tale soluzione, tanto per fare un esempio, chi prepara fatture può con un’app compilare automaticamente informazioni e numeri di prodotto.

Potrebbe trattarsi di una soluzione particolarmente apprezzata da chi è stanco di trascorrere le proprie giornate lavorative digitando ripetutamente gli stessi dati.

Fonti: Techcrunch, Engadget