Gmail sta introducendo delle novità per le conversazioni: il raggruppamento delle email dovrà sottostare a nuovi parametri in aggiunta a quelli abituali. Il rinnovamento della “Visualizzazione per conversazione” di Gmail riguarda tanto il client web quanto le corrispondenti applicazioni mobile per dispositivi Android e iOS.

La “Visualizzazione per conversazione” in Gmail serve a mettere insieme le email che riguardino lo stesso argomento, in modo tale che gli utenti abbiano una visione più agevole dei messaggi più vecchi, in un’esperienza d’uso per certi versi più vicina a quella dei classici messaggi di testo e chat. In ogni caso Google ha deciso di introdurre dei cambiamenti importanti nel meccanismo di funzionamento delle conversazioni, più severo e stringente nell’individuazione delle email da raggruppare.

Allo stato attuale, Gmail riunisce le email in conversazioni in base al rispetto delle seguenti condizioni:

  1. Un messaggio sia stato inviato in risposta ad altri.
  2. Un messaggio abbia lo stesso mittente o destinatario, lo stesso oggetto oppure sia stato inviato entro una settimana dal precedente messaggio già facente parte del thread.

Lo step ulteriore prevede che, se presente, il Reference header del messaggio in entrata debba contenere menzione del Message-ID di email precedenti per essere incluso in una conversazione. Gmail parla di “definite relationship” e con questo nuovo e più stringente parametro intende evitare che messaggi singoli vadano ad interrompere il flusso e la continuità delle conversazioni.

All’atto pratico questo vuol dire che due email aventi lo stesso oggetto e provenienti dallo stesso mittente non verranno più raggruppate a meno che non ci sia un “explicit reference” nel titolo del messaggio. Questo avrà come ulteriore conseguenza che molti più messaggi verranno mostrati singolarmente nella casella di posta, ma non dovrebbe incidere più di tanto sull’abituale modo di rispondere agli stessi.

Questo nuovo requisito per la “Visualizzazione per conversazione” in Gmail è in roll out già da oggi per client web e applicazioni mobile per Android e iOS. Potete scaricare l’ultima versione dell’app direttamente dal Google Play Store tramite il seguente badge.

Android app sul Google Play