La funzione Call Screening sta arrivando su Google Pixel 2 e Pixel 2 XL

La funzione Call Screening sta arrivando su Google Pixel 2 e Pixel 2 XL
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/10\/google_pixel_2_xl_4_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/10\/google_pixel_2_xl_4_tta-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/10\/google_pixel_2_xl_4_tta-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/10\/google_pixel_2_xl_4_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/10\/google_pixel_2_xl_4_tta.jpg"}, "title": "La funzione Call Screening sta arrivando su Google Pixel 2 e Pixel 2 XL" }

Call Screening, una delle nuove e più sorprendenti feature di Google Assistant, sta iniziando ad arrivare sui Google Pixel 2 e Pixel 2 XL.

La funzione Call Screening, insieme ad altre apprezzate novità software come ad esempio Night Sight, è stata lanciata da Google a bordo dei suoi nuovi Pixel 3 e Pixel 3 XL con la promessa di renderla disponibile anche per i possessori degli smartphone Pixel di prima e di seconda generazione entro la fine del mese di novembre. A quanto pare il colosso di Mountain View sta tenendo fede alla parola data ed infatti alcuni Google Pixel 2 e Pixel 2 XL hanno già iniziato a ricevere la nuova feature Call Screening.

Per coloro che non lo ricordassero, Call Screening è la funzione che consente agli utenti di rispondere alle chiamate in entrata tramite Google Assistant. L’assistente di Google riconosce le chiamate indesiderate mostrandone una trascrizione iniziale e permettendo agli utenti di rispondere se interessati o segnalare il chiamante come spam.

Un utente possessore di Google Pixel 2 XL ha segnalato ad AndroidPolice l’arrivo della feature ed al contempo un altro utente ha mostrato su Reddit di averla ricevuta sul proprio Pixel 2. Ad ogni modo pare che per il momento la feature Call Screening abbia raggiunto soltanto un numero piuttosto esiguo di Google Pixel 2 e Pixel 2 XL.

Vale infine la pena ricordare che i soli utenti che abitano negli Stati Uniti possono provare ad abilitare tale funzionalità subito sui Google Pixel e Pixel XL di prima e seconda generazione, a condizione di avere accesso ai permessi di root dello smartphone. La procedura da seguire è stata pubblicata da XDA Developers (a questo link).

Androidpolice