Milioni di app potrebbero essere cancellate dal Play Store per mancanza di privacy policy

Da qualche giorno alcuni sviluppatori stanno ricevendo una mail da parte di Google che avvisa la necessità di una privacy policy in tutte le app che utilizzano sensori e dati dell’utente.

Come noi stessi abbiamo potuto appurare dalla mail ricevuta, infatti, Google oscurerà o eliminerà le app che “non contengono una policy di privacy valida“.

Sotto trovate il testo originale che ci è arrivato:

Hello Google Play Developer,

Our records show that your app, UniMeal – UNITN Trento, with package name **, currently violates our User Data policy regarding Personal and Sensitive Information.

Policy issue: Google Play requires developers to provide a valid privacy policy when the app requests or handles sensitive user or device information. Your app requests sensitive permissions (e.g. camera, microphone, accounts, contacts, or phone) or user data, but does not include a valid privacy policy.

Action required: Include a link to a valid privacy policy on your app’s Store Listing page and within your app. You can find more information in our help center.

Alternatively, you may opt-out of this requirement by removing any requests for sensitive permissions or user data.

If you have additional apps in your catalog, please make sure they are compliant with our Prominent Disclosure requirements.

Please resolve this issue by March 15, 2017, or administrative action will be taken to limit the visibility of your app, up to and including removal from the Play Store. Thanks for helping us provide a clear and transparent experience for Google Play users.

Regards,

The Google Play Team

Insomma, tutti gli sviluppatori hanno tempo fino il 15 marzo per mettere in regola le proprie app e da questo ne dipende la visibilità delle stesse sul Play Store. Noi dello staff siamo piuttosto soddisfatti di questo traguardo poiché potrebbe sicuramente limitare il numero di app zombie presenti nello Store che si spacciano per grandi titoli e che, invece, portano solo guai agli utenti che le scaricano.

Se, come noi, avete un account sviluppatore e vi serve qualcuno che si occupi della stesura della privacy policy, potete provare Iubenda, una piattaforma tutta italiana.

Cosa ne pensate?

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Christian Padovano

    che stress ogni giorno salta fuori qualcosa …. bisogna stargli dietro in continuazione…io utilizzo airpush e non ho un mio sito per le mie app , includere la policy di airpush sara’ cosa gradita di google ?

  • Walter

    Il problema è che includere una privacy policy non significa che Google poi ne verifichi contenuto o veridicità.

    Le app “zombie” o malevole possono benissimo includere una policy “fuffa” e andare avanti. La legge sulla privacy policy e la “cookie law” così come sono nate a livello europeo sono una buffonata che complica la vita a piccoli publisher e a privati che hanno un sito web o una app, e alimentano il mercato della speculazione da parte di alcune aziende apparse magicamente, al momento giusto.

  • NetGEL

    Ciao, io ero uno tra gli sviluppatori che ha ricevuto la mail :)
    Dico ero perchè ho regolarizzato le mie app proprio grazie a Iubenda.
    Secondo me è un servizio fatto molto bene.

Top